2 Commenti

Settimana del Rifugiato
Apertura col botto
e tanti eventi in calendario

Prosegue oggi, mercoledì 20 giugno, con lo spettacolo “Ricordare, dimenticare, sperare” il programma di iniziative promosse in occasione della Settimana del Rifugiato e della Giornata mondiale del Rifugiato. Alle 21, nella ex Chiesa del Foppone (via S.Antonio del Fuoco), il Gruppo Noi, composto da rifugiati e richiedenti asilo partecipanti al laboratorio teatrale organizzato dalla Caritas diocesana, darà vita a questa performance. Lo spettacolo è messo in scena dagli ospiti della Casa Accoglienza e delle Fattorie della Carità, che si alterneranno nella lettura di testi da loro redatti, nella rappresentazione di giochi della loro infanzia e di musiche tradizionali. Il gruppo teatrale sarà accompagnato da una violoncellista e un chitarrista italiani.

Da segnalare che l’incontro di apertura e presentazione delle iniziative della Settimana, tenutosi nella sede della Fondazione Città di Cremona, ha visto una notevole affluenza di pubblico. Un appuntamento che ha suscitato particolare interesse anche grazie alla proiezione del film documentario IBI di Andrea Segre, già presentato al Festival di Locarno. Una sessantina sono inoltre gli operatori dell’accoglienza che hanno partecipato al corso di formazione curato dagli esperti della Cooperativa Ippogrifo, Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM), e associazione LULE sui temi delle mutilazioni genitali femminili, ritorno volontario assistito e fenomeno della tratta.

I prossimi appuntamenti in calendario sono venerdì 22 giugno, alle 17, al Teatro Monteverdi (via Dante 149, Cremona) con il Workshop “Incontri di vite”, organizzato da Donne Senza Frontiere. Durante l’evento verrà proiettato il cortometraggio “Donne in cammino”, a cura del Coordinamento Donne SPI-CGIL-CISL di Parma e Piacenza, successivamente sarà possibile assistere ai racconti di donne del territorio cremonese.

Sabato 23 giugno, dalle 10 alle 12.30, ai giardini di piazza Roma si terrà la prima Living Library cremonese, un’iniziativa che prevede la partecipazione di persone che si prestano a diventare dei “libri” con una storia da raccontare, condividendo la propria esperienza con “lettori” desiderosi di entrare in contatto con realtà differenti.

Tutti gli eventi della Settimana del Rifugiato sono organizzati dal Comune di Cremona in collaborazione con gli enti gestori del progetto SPRAR e diverse realtà del territorio per proporre momenti di approfondimento di un tema spesso raccontato attraverso stereotipi e mancanza di informazione. La partecipazione a tutti gli eventi, ai quali hanno aderito numerosi enti del territorio, è libera e gratuita.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Roberto

    La settimana degli italiani in difficoltà quando la si fá? Oppure avete nel cuore solo chi poteva starsene a casa propria! Qui manteniamo tutti e agli italiani calci nel di dietro.

  • Jo lega

    Quante sigle e quante associazioni che ci mangiano