Commenta

Mortalità infantile,
Cremona tra le province
maglia nera

A Cremona la mortalità infantile è più elevata che in tutto il resto della Lombardia, con 5,1 bambini morti ogni mille nati vivi. Un dato che emerge dall’analisi delle cause di morte diffusa dall’Istat e rielaborata da InfoData del Sole 24Ore, che ha messo a confronto tutte le Province italiane.

Guardando la mappa, Cremona in questo senso è la città messa peggio del centro nord, mentre qualche situazione peggiore la si riscontra nel sud e nelle isole: peggio fanno solo Benevento, Foggia, Cosenza Trapani e Nuoro. Dato analogo al nostro invece in provincia di Caltanissetta. L’aspetto positivo, a livello nazionale, è che il numero di decessi ogni mille bambini nati vivi, è in costante calo.

Guardando alle altre cause di morte, la nostra provincia spicca anche per la demenza senile e altre malattie del sistema nervoso: si parla di 36,30 decessi ogni 10mila abitanti. Anche in questo caso il dato cremonese è tra i peggiori in Lombardia, appena dopo Bergamo (36,40).

Complessivamente è nel Nord che si concentrano i territori con un’incidenza di decessi legati a queste patologie superiori a quella nazionale. Mentre nel centro e soprattutto nel Sud Italia, con l’eccezione della Sardegna, il tasso è inferiore che nel resto del Paese.

Naturalmente, come purtroppo tristemente noto, anche nella mortalità per tumore il territorio provinciale ha numeri alti: 9,6 decessi ogni 10mila abitanti. Peggio, in Lombardia, solo Pavia (10,1) e Sondrio (9,7).

Laura Bosio

© Riproduzione riservata
Commenti