Commenta

Emergenza ondate di
calore, pronta task force
delle istituzioni sanitarie

Con l’ondata di calore che ha colpito il territorio la scorsa settimana, non sono mancate le emergenze anche dal punto di vista sanitario, con molte persone che si sono dovute rivolgere al proprio medico o addirittura al Pronto soccorso a causa di malori dovuti al caldo. A questo proposito l’Ats Valpadana ha approvato nei giorni scorsi il ‘Piano 2018 per la gestione delle emergenze in caso di elevate temperature ambientali’, con l’istituzione di una vera e propria task force che comprende i vari dipartimenti preposti a gestire questo tipo di emergenze. Tanto più che anche per il prossimo fine settimana è previsto caldo torrido.

Il protocollo prevede un sistema di previsione e allerta delle condizioni climatiche con la condivisione delle informazioni con tutti gli operatori su una mailing list dedicata. In caso di previsione di una persistente situazione di disagio forte, la raccomandazione sarà di innalzare il livello di attenzione sulle persone note come fragili o più esposte agli effetti negativi delle ondate di calore, attivando utili misure di protezione. Si parla soprattutto dei malati e degli anziani over 74 anni.

A questo proposito, è stata firmata una convenzione con l’Auser per l’attivazione di un servizio di telefonia sociale per la verifica, in situazioni climatiche critiche, delle condizioni dei cittadini più a rischio, anche attuando eventuali azioni di supporto. Il servizio di telefonia sociale prevede anche una risposta telefonica H24 per richieste di informazione e orientamento ai servizi.

Infine, fondamentale sarà anche l’informazione alla popolazione, con la diffusione capillare di informazioni utili alla prevenzione dei rischi connessi alle ondate di calore, con la possibilità di scaricare opuscoli informativi su diverse tematiche, riferite a comportamenti da adottare in caso di elevate temperature.

La Bos

© Riproduzione riservata
Commenti