Commenta

Da Seoul al Museo del Violino:
al Cremona Summer Festival
arriva la Joy of Strings

Stasera, domenica 29 luglio, alle ore 21.00, presso l’Auditorium Giovanni Arvedi, al Museo del Violino, a Cremona, si esibirà l’orchestra di musica da camera coreana, Joy of Strings, con il Direttore Artistico Sung-Ju Lee, nell’ambito delle attività con gli studenti e i docenti della Academy of Arts, organizzata da Dirk Verelst, facenti parte del Cremona Summer Festival 2018. Il programma prevede brani di W. A. Mozart, A. Vivaldi, S. Kim, H. Vieuxtemps e P. I. Tchaikovsky. L’ingresso è libero e gratuito fino ad esaurimento posti.

Joy of Strings è un importante ensemble di musica da camera di Seoul, in Corea del Sud, che ha affascinato il pubblico, con la sua qualità esecutiva e il suo talento musicale sin dalla sua fondazione nel 1997 per opera del violinista Sung-Ju Lee, professore alla Korea National University of Arts (KNUA). La professoressa Lee, Direttrice Artistica, ha costruito una solida squadra, facendo leva sulla sua esperienza e sulla sua profonda passione per la musica. L’energia esuberante che emana da Joy of String è un marchio distintivo del team. Sono numerosi i concerti all’estero a cui hanno partecipato.

L’ensemble Joy of Strings è sostenuto anche dal service del Kiwanis Club Cremona Onlus, un’organizzazione mondiale di volontari, impegnati a cambiare il mondo, un bambino e una comunità alla volta.
Dedicare parte del proprio tempo e delle proprie energie al servizio dei bambini, sapendo che anche un’ora del proprio tempo e un piccolo gesto possono cambiare la loro vita, e possono cambiare il mondo. La grande famiglia kiwaniana dona ogni anno più di 18 milioni di ore di volontariato e investe più di 107 milioni di dollari nelle comunità sparse in tutto il mondo. Il service è, dunque, il cuore di ogni club del Kiwanis International, in qualsiasi parte del mondo si trovi.

© Riproduzione riservata
Commenti