Un commento

Serie B, il 13 i calendari
Ma è calcio caos e con i ricorsi
il via rischia di slittare avanti

Foto di repertorio

13 e 19: due numeri dispari che segnano il futuro prossimo della serie B 2018-2019. Con la Cremonese ovviamente interessata alle novità che emergeranno. Il 13 è la data di lunedì quando i calendari saranno finalmente diramati: 19 invece è il numero delle squadre che parteciperanno alla prossima serie cadetta. Una rivoluzione, dato che fino allo scorso anno i team erano 22, e dato che tornerà in questo modo, stante il numero dispari di squadre, il turno di riposo. 

Ma questo è il problema minore. Il vero dilemma, infatti, riguarda i tempi, dato che la decisione della Figc (appoggiata dal Coni) di bloccare i ripescaggi di tre tra Novara, Catania, Siena, Ternana, Pro Vercelli ed Entella, che hanno tutte fatto richiesta, ha scatenato una reazione a catena che porterà le suddette società a fare ricorso. E, dicono i bene informati, probabilmente a vincerlo o comunque a giocarsela con buone possibilità. Il che significa, tenendo conto dei tempi della giustizia, che i calendari di lunedì potrebbero essere carta straccia, in quanto l’intero campionato, dunque l’intero percorso, dovrebbe poi essere rivisto. 

Calcio caos, per l’ennesima estate, con il Palermo che, non bastasse quanto già scritto, potrebbe avere una chance in più per salire in A a scapito del Frosinone, dopo che il Coni ha detto di voler rivedere gli incartamenti relativi alla finale playoff persa dai siciliani con i ciociari. Un bel problema, che non tocca assolutamente la Cremonese e le altre 17 squadre di B, Palermo dunque escluso, se non nei nervi e nella pazienza. Perché non è facile preparare un campionato senza sapere quando e contro chi sarà l’esordio, e quante saranno le sfidanti: 18 o 21? Detto tra noi ridurre il numero di squadre iscritte ad uno dei tornei più lunghi a livello europeo, ben 42 giornate, non è una brutta idea, ma sono assolutamente sbagliati i tempi e i modi, dato che una decisione del genere andrebbe presa a bocce ferme e non alle porte della nuova stagione. Che, per inciso, dovrebbe iniziare sabato 25 agosto, ma a questo punto probabilmente slitterà in avanti. Col calcio italiano che, ancora una volta, si gioca più nei tribunali che sul campo verde. 

Giovanni Gardani 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • MENCIA

    vai Cremo