13 Commenti

Annuncio razzista,
la madre di Ariano fa
appello a Mattarella

Continua a gonfiarsi la situazione del cremonese Raffaele Ariano. Tanto che la madre, Annamaria Abbate, fa appello nientemeno che al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con una lettera pubblicata sul sito di Articolo 21.

Il passeggero Trenord che ha denunciato l’annuncio razzista della capotreno del Milano-Cremona-Mantova, è infatti ormai vittima di hater di ogni tipo, che lo insultano e minacciano sui social network.

“Caro Presidente – scrive Annamaria Abbate – mio figlio da comune cittadino ha segnalato un’azione scorretta di un capotreno, un pubblico ufficiale nell’esercizio delle sue funzioni, e per questo sta subendo una vera e propria azione di squadrismo mediatico”. Dopo giorni di linciaggio mediatico nei confronti del figlio, la donna ha deciso di intervenire.

“Raffaele ha usato toni pacati e rispettosi – si legge nella missiva – Nei giorni successivi, sulla pagina Facebook Ufficiale “Lega – Salvini Premier”, è comparso un post che indicava in Raffaele il responsabile del possibile licenziamento della capotreno (licenziamento mai auspicato da mio figlio e di cui non è comparsa mai menzione nei comunicati di Trenord), con tanto di fotografia, nome e cognome e un link diretto alla sua pagina Facebook con la seguente frase: “State con la capotreno o con il denunciatore, Raffaele Ariano?”.

A partire da quel post, è seguito un vero e proprio linciaggio mediatico da parte di sostenitori della Lega e di gruppi neo-fascisti come CasaPound e Forza nuova, contenenti ingiurie e minacce all’incolumità fisica di mio figlio e della nostra famiglia”.

Ed ecco l’appello della donna al presidente, “Confidando nella Sua persona e nel ruolo che ricopre, ci affidiamo a Lei e Le chiedo, rispettosamente, come cittadina e come madre, di valutare un Suo intervento, secondo i Suoi poteri e prerogative costituzionali, a tutela dei nostri diritti di cittadini italiani, del nostro ordinamento e dei valori democratici su cui si fonda”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • L’algerino

    Non ho da dire !!!!!!!

  • Rosso Verdi

    Lei dice “mio figlio ha segnalato un’azione scorretta di un capotreno”. Azione scorretta segnalare la presenza di abusivi che disturbano chiedendo soldi ai viaggiatori che hanno pagato il biglietto ? Prima di invocare Mattarella o il Papa, si metta nei panni di quel lavoratore che deve quotidianamente affrontare simili personaggi e situazioni. Ho personalmente assistito alla aggressione contro un controllore e due agenti della Polfer, intervenuti per far scendere dal treno uno di quei soggetti che menava pugni a destra e a manca. Quando si vedono scene del genere passa la voglia di dare importanza a qualche termine colorito. Ma, evidentemente, ognuno ha le sue priorità.

    • Andrea

      Azione scorretta dire “zingari avete rotto i c……i” al microfono…altrimenti armiamoci e facciamo quello che ci pare, accoltelliamo gli zingari in stazione o dotiamo tutti di un megafono e andiamo ad urlare “ne..i di me..a” a tutti quelli che passano per strada, tanto un sacco di gente la pensa così, perchè non urlarlo in faccia a tutti!! sai, noi abbiamo fatto un sacco di casini in tutto il mondo, ma se sentissi dire “avete rotto il ca..o italiani di m…a” in stazione a New York mi aspetterei delle conseguenze per la capotreno. NON POSSIAMO FARE QUELLO CHE NE ABBIAMO VOGLIA, specialmente se siamo in servizio e in divisa.

  • Gianluca

    Era sottinteso che sarebbero stati più i contrari che i favorevoli all’iniziativa presa dal sig. Ariano. Detto questo, ora diamocene un taglio.

  • antonio1956

    Quello che è successo dopo è da condannare. Prima si poteva denunciare l’accaduto in forma piú riservata alle autoritá competenti, considerato il momento storico che stiamo vivendo. Da una parte e dall’altra é consigliata prudenza. Ma che bisogno c’é di pubblicare tutto su Fb ?

  • Andrea Ferrari

    Siamo al ridicolo patetico, con tutti i disagi quotidiani che devono subire i viaggiatori di questi Treni che sanno quando partono ma non sanno quando arrivano e se arrivano…vivi morti, siamo a scandalizzarci per una frase che una funzionaria ha pronunciato all’indirizzo esatto direttamente, senza passare dalle Poste.
    Assurdo, consiglio la ” MAMMA” a rivolgersi a S.Pietro, sono sicuro che Lui arriverà subito…in treno.

  • fabrizio loffi

    Il problema, per me, non è l’atteggiamento del capotreno, peraltro censurabile nei termini e nei modi, visto che si tratta di un pubblico ufficiale nell’esercizio delle proprie funzioni, e sempre fatta salva la verità sostanziale di quanto accaduto, ma il fatto che un semplice cittadino su facebook venga vigliaccamente coperto di insulti razzisti e di minacce, solo per aver sollevato il caso. Si può essere d’accordo o meno ma è intollerabile che un ministro dell’interno non intervenga per difendere un cittadino che esprime in termini corretti la propria opinione e formula una critica. Un diritto sancito e tutelato della Costituzione

    • Noxbody

      Se pubblichi su facebook, devi accettare di essere elogiato ed insultato da altri utenti. Un “ragazzo” di oltre trent’anni è maturo per decidere cosa scrivere e le azioni che ne comportano: il fatto che la mammina si metta a difenderlo chiedendo aiuto addirittura al Presidente (che spero abbia ben altro a cui pensare), denota che proprio così maturo non lo è…

      • Diego CaNe Galli

        intanto cominci lei a mettere nome e cognome quando commenta un post, come ogni persona che si rispetti e non faccia il leone da tastiera.
        Forse ha paura di essere insultato a sua volta e di dover chiamare mammina a difendere la sua “maturità”?

      • Andrea

        Assolutamente falso: se pubblichi su Facebook non devi accettare insulti, minacce di morte e robe simili. E poi il ragazzo non ha scritto nulla su facebook, lui ha solo denunciato il fatto alle autorità, su facebook ce lo hanno messo!!Questa cosa che se pubblichi su facebook puoi essere liberamente insultato mi fa rabbrividire…che concetto avete di “libertà”??assurdo

  • Mario Rossi SV

    “I morti di fama”

  • mirko ansaldi

    Questa capotreno dovrebbe vivere la vita un po più rilassata tutto qui..ci scandalizziamo per uno che non fa il biglietto?e chi sta ai vertici di Tre nord che prendono 50000 euro al mese allora??io di questo rimango interdetto il resto è fuffa cari miei.

  • MENCIA

    sempre la solita storia chi delinque non gli fanno poco e niente se un Italiano a chi magari gli ha violentato la figlia sporco negro apriti o cielo razzista e articoli contro di lui