12 Commenti

3 euro l'ora per coltivare
zucchine: 6 arresti ad
Asola per caporalato

ASOLA – Caporalato. L’operazione è scattata all’alba di ieri, 16 agosto 2018, ad Asola,  presso  un vasto campo agricolo coltivato ad ortaggi. Il servizio rientra nell’ambito dei  “controlli straordinari nel settore agricolo, agroalimentare/forestale e ambientale – 2018“ disposti dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri e finalizzato al contrasto dello sfruttamento della manodopera clandestina e del caporalato, coordinato dalla Compagnia di Castiglione delle Stiviere, ad operare la “task force” composta dai militari delle Stazioni di Asola, Castel Goffredo, Guidizzolo e Piubega in collaborazione con il nucleo Carabinieri Ispettorato del lavoro di Mantova e la Polizia locale di Asola.

L’attività ha interessato due appezzamenti di terreno attigui, situati tra i comuni di Asola e Piubega, di cui è proprietario un italiano, concessi in affitto a due cittadini bangladesi, titolari delle rispettive omonime aziende agricole. I militari sono intervenuti in due aziende agricole gestite da cittadini del Bangladesh, operanti nel settore della coltivazione e commercializzazione di zucchine. Dopo aver bloccato le vie di fuga, i militari hanno fermato e identificato 42 operai, di cui 24 privi di regolare contratto di lavoro, tutti sorpresi nelle operazioni di raccolta degli ortaggi e controllati a vista da tre cittadini bangladesi incaricati della “vigilanza“.
I lavoratori, tutti richiedenti asilo, in regola per quanto riguarda la permanenza sul territorio nazionale, sono stati ascoltati dai militari ai quali hanno dichiarato di lavorare mediamente 12/13 ore al giorno  e di percepire una paga oraria di 3 (tre) euro all’ora. Nel verificare le condizioni alloggiative dei braccianti è stato accertato, tra l’altro,  che  gran parte di essi erano alloggiati presso fatiscenti roulottes e camper, con un’ unico bagno per oltre 25 persone, il tutto appositamente allestito dallo stesso  proprietario del terreno in un’area adiacente ai campi coltivati.
Dopo aver verbalizzato le dichiarazioni di tutti i braccianti, i militari hanno proceduto all’arresto di 6 (sei) persone, ritenute responsabili, in concorso tra loro, del reato di caporalato. Gli elementi probatori raccolti dai militari operanti e condivisi dall’ Autorità Giudiziaria, hanno consentito di trarre in arresto le sei persone, di cui 5 (cinque) bengalesi ed 1 (uno) italiano del luogo.
Tutti gli arrestati sono stati accompagnati nel carcere di Mantova a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Il Prefetto di Mantova, Dottor Sandro Lombardi, ha espresso il suo vivo apprezzamento al Comandante Provinciale dei Carabinieri di Mantova, Colonnello Fabio Federici, per la brillante operazione di servizio e peri i positivi obiettivi conseguiti finalizzati a contrastare le situazioni lavorative irregolari nel campo dell’agricoltura, che portano troppo spesso a ledere la dignità degli stessi lavoratori, nell’ambito di una problematica che è da sempre, oggetto di particolare attenzione da parte della suddetta Autorità.
redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti
  • coD77

    Non capisco…ma non vengono qui a prendere 35€ al giorno senza lavorare, hanno l’iphone e la Bentley? Come mai lavorano come schiavi? Per passare il tempo?

    • Roberto

      Lavorano per prendere 40€ in più al giorno, in totale circa 2000€ al mese, non male per poi non avere spese

      • Blizzard

        40 x 30 = 1200. Spero per te che il tuo post sia ironico, altrimenti hai dei seri problemi di salute (mentale). Comunque secondo i tuoi calcoli per prendere 2000 euro al mese devono avere mesi di 50 giorni lavorativi.

        • Roberto

          Pardon, ho sbagliato, per la precisione guadagnano 2340€ al mese. Vediamo i numeri, lavorano x 3€ l’ora x 13 ore al giorno x 30 giorni al mese = 1170€ in + prendono 39€ al giorno di sussidio come rifugiati che sommati al risultato precedente = 2340€ al mese… Guadagnano più di te! Ps per Natale ti regalo una calcolatrice per fare i conti e il mio numero di telefono così quando hai bisogno di aiuto per qualche ragionamento ti aiuto volentieri.

          • Blizzard

            Perché non ci vai te o il tuo figliolo. I 39 euro al giorno te li regalo io. Anche perché guadagno più di 2340 €/mese. Per la calcolatrice va bene regalo accettato. Comunque in Italia la settimana lavorativa è fatta di 5 giorni per 8 ore. Oltre le 8 si chiama straordinario che nella lingua di Dante vuol dire fuori dalla norma.

          • Mario Rossi SV

            5 giorni, quindi il sabato e la domenica facciamo a meno di pagargli il sussidio, ottima idea per risparmiare! Bravo!
            Comunque se ti leggi l’articolo ti rendi conto che i conti li fa giusti Roberto.

          • Blizzard

            Spiegami dove nell’articolo si evince che il conteggio di Roberto è esatto. Dove si parla di 39 €/giorno e di ogni altra amenità. Se poi il tutto era a norma di legge, perché si è proceduto a 6 arresti? Ma poi se ci si guadagna tanto con la raccolta delle zucchine perché i nostri disoccupati non vanno loro a fare questo bel lavoro alle stesse condizioni. Forse perché gli immigrati sono ingordi e vogliono guadagnare di più oltre ai 39 euro che già il PD gli fa guadagnare. Ma voi siete normali, ci credete a quello che dite?

          • Mario Rossi SV

            Non è che ci vuole tanto … “sono stati ascoltati dai militari ai quali hanno dichiarato di lavorare mediamente 12/13 ore al giorno e di percepire una paga oraria di 3 (tre) euro all’ora.”
            Se lavoravano a ferragosto è sottointeso che lavorassero 7 giorni su sette.
            Naturalmente condivido con te si tratta di sfruttamento, e per me oltre al carcere per i caporali ed imprenditori ci deve essere l’espulsione immediata dei finti profughi, perché non avevano bisogno di farsi sfruttare, visto che tu ed io gli paghiamo vitto, alloggio ecc.ecc.

          • Roberto

            Non capisco perché devi trovare delle scusanti, sono tutti complici e consenzienti, sbaglia chi sfrutta ma anche chi lo permette in cambio di un guadagno. Quando ero ragazzino, io e altri miei amici andavamo a cimare, a raccogliere la frutta, a spigolare, i tuoi figlioli lì manderesti? Sicuramente no perché il loro papà guadagna più di 2500€ al mese e allora lo fanno i bangladesi mentre tu gli paghi già il soggiorno.

          • Roberto

            Quelli lavorano in nero per 3€ e vengono beccati il giorno di ferragosto nei campi… secondo te prendono lo straordinario e pretendono di fare festa il sabato e la domenica?

  • Simone

    Ricordo a tutti i commentatori che i bangladesi non godono dello status di asilo politico e quindi non vivono nei centri accoglienza e di conseguenza non percepiscono i soldi dello Stato. Essi vengono portati qua in maniera indipendente con documenti di soggiorno per motivi famigliari perlopiù. Quindi prima di sparare scemenze informatevi e fate caso meglio alle facce di coloro che sono nei centri di accoglienza (non credo che abbiano la faccia di uno del Bangladesh)

    • Mario Rossi SV

      Infatti quelli li ho messi tra i caporali, quindi da galera.