Commenta

'Incursione' a sorpresa
della street art di 'Blub'
nel centro di Cremona

Qualcuno non le ha notate forse perché sono collocate con discrezione in punti ‘defilati’ del centro storico, ma chi le ha scorte si è fermato a fotografare, commentare e soprattutto fare ipotesi sull’autore. Sono le incursioni di street art create nella notte da “Blub” e i suoi collaboratori, per la prima volta in azione a Cremona. Si tratta di dipinti su carta da manifesti affissi con colla vegetale sugli sportelli delle cassette elettriche stradali, un modo per decorare la città senza però deturparla. Il soggetto ritrae le opere più celebri dell’arte di tutti i tempi rivisitate in chiave acquatica, dall’uomo con la bombetta di Magritte alla dama con l’ermellino di Leonardo da Vinci, senza dimenticare -nel borgo della liuteria- un omaggio ad Antonio Stradivari; ciascuno indossa una maschera da sub secondo il tema “L’arte sa nuotare”. La pagina Facebook dell’artista spiega la filosofia: in questo momento storico di profonda crisi ci si trova con l’acqua alla gola, dunque meglio indossare una maschera da sub e imparare a nuotare trasformando le difficoltà in opportunità. Nonostante l’hashtag #l’artesanuotare spopoli su Instagram, nessun al di fuori del mondo della street art conosce l’identità di “Blub”: è toscano e ha incominciato le incursioni cittadine nel 2013 a Firenze, per poi diffondersi nelle principali città italiane da Roma a Venezia e persino all’estero. Ora approda a Cremona in prossimità della mostra “Into the water” che sarà inaugurata sabato 8 settembre presso l’Ex Filanda Jacini di Casalbuttano, collettiva di artisti contemporanei promossa da “Art Service” nella quale sarà esposto anche un olio su tela di “Blub”.

 

© Riproduzione riservata
Commenti