2 Commenti

Allontanata dalla spiaggia
perché aveva il cane con sé:
disavventura di una cremonese

Cacciata dalla spieggia perché aveva portato con sé il cane: un episodio increscioso quello che nei giorni scorsi ha visto protagonista una cremonese, Dorella Cuomo, di Sospiro, in villeggiatura a San Pietro in Bevagna, comune di Manduria nel Salento Ionico.

A segnalare la vicenda è stata l’associazione Aidaa (Associazione italiana difesa animali e ambiente), a cui la donna si è rivolta. La cremonese, che si trovava in vacanza da alcuni giorni, si è recata in spiaggia insieme al suo cane, “dopo aver tra l’altro preso visione in maniera precisa dei diritti e dei doveri inerenti ai cani in spiaggia” fanno sapere dall’associazione. Tuttavia a qualcuno la presenza dell’animale ha dato fastidio, tanto che sono stati avvisati i vigili urbani.

“Una volta arrivata la polizia locale ho spiegato  alla polizia locale che non c’erano i cartelli segnalatori e che sopratutto sull’albo pretorio del Comune non c’era traccia di ordinanze di quel tipo e pertanto io avevo il diritto di rimanere nella spiaggia con il mio cane” racconta la stessa Dorella Cuomo. A quel punto secondo la ricostruzione fatta dalla signora, “la polizia locale, pur dandole ragione e non elevandole alcuna contravvenzione, l’ha comunque pregata di allontanarsi dalla spiaggia in questione oppure di rinchiudere il cane in auto” ha spiegato ancora Aidaa. “Il tutto mentre c’erano 38 gradi. Alle sue rimostranze la polizia locale ha risposto che il cane deve essere allontanato perchè ‘è poco etico tenerlo in spiaggia’”.

“Le dichiarazioni dei vigili sono allucinanti” commenta il presidente di Aidaa, Lorenzo Croce. “Invitare a tenere il cane in auto perchè è poco etico portalo in spiaggia è quantomeno ridicolo; la signora ha fatto bene ad andarsene da lì. A questo proposito invitiamo tutti i proprietari di cani che in questi giorni hanno subito simili vergognose vessazioni o ancora peggio sono stati multati a contattarci al nostro telefono amico per denunciare questi gesti di incivilità”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Andrea Rastelli

    Hanno fatto benissimo! Complimenti ai Vigili. A volte basterebbe solo un po’ di rispetto per gli altri (gli umani!!!) e un po’ meno amore patologico (per gli animali!!!)

    • Orto

      Caro Andrea, probabilmente non hai un cane. Son d’accordo con te sul fatto che venga prima il rispetto per le persone e per i regolamenti comunali (quando ci sono). Converrai forse con me che chi ha un cane (io ne ho uno e non penso di essere affetto da patologia animalista) lo vuole e lo deve portare con se in vacanza. Ho provato la stessa esperienza lo scorso anno in Liguria. Non un pezzetto di spiaggia dove portare il cane. Le due settimane di vacanza previste han necessariamente trovato un nuovo epilogo dopo 4 giorni. Consiglio a Dorella di informarsi meglio prima della prossima vacanza… Ci sono innumerevoli località attrezzate dove è possibile portare cani (Romagna, Toscana,….) e che sarebbero ben felici di intercettare il suo budget (1000, 2000, 5000,….euro) destinato alle vacanze….