Commenta

Nuovi treni, poche speranze
per linee della Bassa. Dal 15/9
bus sostitutivi tra Cr e Mn

Dei 161 nuovi treni il cui acquisto è stato annunciato ieri dal presidente della Lombardia Attilio Fontana e dall’assessore regionale Cristina Terzi, meno di trenta  saranno destinati alle linee che interessano Cremona, o meglio, alle “linee non elettrificate della Lombardia (aree di Pavia, Cremona Brescia)”. Questo era stato dichiarato mesi fa dagli stessi vertici regionali, prima dell’aggiudicazione della fornitura alla Hitachi Rail Italy, con cui la Regione e Fnm ha siglato ieri l’accordo quadro che definisce i tempi dell’ingresso dei nuovi mezzi. Dunque, i pendolari cremonesi hanno poco di che rallegrarsi del rinnovo del parco.

Ne sono consapevoli i referenti dei pendolari della linea Mantova – Cremona  -Milano: “Il materiale ordinato – scrive ad esempio Matteo Casoni sulla pagina Facebook del comitato – non comprendeva composizioni per medio/lunghe percorrenze, ma solo per TSR e regionali (composizioni di poche carrozze), quindi spero proprio che non vadano a sostituire le composizioni che, purtroppo, ancora per un po’ dovremo tenerci”
“Questi treni aggiunge Andrea Bertolini – sono stati acquistati da Regione Lombardia e da FNM o LENORD che sia, non arriveranno su ex linee Trenitalia. Poi non si è ancora capito cosa intendano fare della Mantova, se sia tra quelle 16 linee che tornerebbero a Trenitalia”.

Dalla prossima settimana, sempre secondo le notizie che circolano tra i pendolari, dovrebbero poi arrivare a Trenord (non si sa se sulle linee cremonesi) nove complessi Vivalto usati, di cinque carrozze ciascuno. Verrebbero dalla Sicilia e sarebbero stati presi in affitto da Trenord per un anno.

Ma le brutte notizie per i viaggiatori della linea, e soprattutto per i mantovani, non finiscono qui. Da domani, sabato 15 settembre, sono previsti da parte di Trenord, dei lavori “di consolidamento al ponte sull’Oglio tra le stazioni di Bozzolo e Marcaria”. Ciò significa che “alcuni treni subiranno ritardi e variazioni” e che saranno “previsti servizi sostitutivi”. Nel concreto, ad essere interessata, sarà soprattutto la linea Mantova-Cremona-Milano, con Cremona che sarà di fatto il nuovo capolinea della tratta. Da Mantova a Cremona il viaggio sarà infatti effettuato in bus. E purtroppo è facile prevedere, come di fatto ha annunciato la stessa Trenord, che questa sostituzione possa provocare ritardi, almeno in direzione Milano a causa di traffico e imprevisti simili lungo il tratto su gomma. Per i cremonesi che invece dovranno muoversi verso Mantova i disagi si potrebbero manifestare in entrambi i viaggi.

L’ELENCO DEI TRENI INTERESSATI DAI LAVORI

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti