6 Commenti

Via le scritte vandaliche
dai palazzi Affaitati, Soldi
e cavalcavia Cimitero

Via le scritte vandaliche da Palazzo Affaitati, lungo la Via Ugolani Dati e la Via Palestro, a Palazzo Soldi e lungo le rampe di accesso del cimitero. Un investimento di 8.47o euro, che il Comune di Cremona ha stanziato in vista dell’inaugurazione, il 27 settembre, delle nuove sedi dell’Informagiovani e del Centro Fumetto A. Pazienza, che dopo mesi di lavoro sono pronte.

Le scritte campeggiano ormai da diversi mesi sui monumenti storici della città, e un po’ alla volta l’amministrazione comunale sta predisponendo la loro rimozione. In questo caso verrà utilizzata una particolare macchina idropulitrice per pulitura ecologica.

Intanto procedono a pieno ritmo gli ultimi ritocchi agli spazi dell’ex Museo Stradivariano, per arrivare pronti alla scadenza del 27 settembre. Ormai si tratta delle ultime fasi, ossia quelle del trasloco vero e proprio. Gli spazi recuperati si estendono per 700 metri quadri complessivi. Nel corpo est, caratterizzato da un ampio salone coperto da un doppio ordine di volte a vela sostenute da colonne in granito, trova spazio il Centro Fumetto.

Nel corpo nord che è costituito da un doppio ordine di soffitti a volta suddivisi in campate più piccole sostenute da maschi di muratura, è collocata invece la nuova sede dell’Informagiovani. I lavori, iniziati a giugno, sono costati 880mila euro, cofinanziati per circa il 50% da Comune di Cremona e Regione Lombardia sul bando Cult City.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Mario Rossi SV

    E io pago!!

    • Graziano Ansaldi

      Ci vogliono pattuglie notturne ,altro che Tasers . Con gente preparata e ben addestrata , oltretutto.

      • Mario Rossi SV

        Gli sgomberi si fanno di giorno…

        • Graziano Ansaldi

          Non parlavo degli sgomberi,certo che si fanno di giorno, parlavo in generale.

  • brontolo

    Certo,perché non dovrebbe?

  • Graziano Ansaldi

    Tanto a breve tornerà tutto come prima . Ci sono troppi incivili in giro, e poi, anche se vengono beccati, non hanno punizioni adeguate.