Commenta

La storia di Cremona
attraverso le sue Santelle
Giovedì 20 al via la mostra

Verrà inaugurata giovedì 20 settembre 2018 alle ore 16.30 la mostra fotografica dal titolo ‘Le Santelle di Cremona ieri e oggi’ che si colloca all’interno degli obiettivi del Gruppo Fotografico ‘Beltrami-Vacchelli’. L’obiettivo è quello di “documentare attraverso il linguaggio delle immagini, ma non solo, le testimonianze storiche del territorio e delle risorse culturali cremonesi e, nel contempo, promuoverne il rispetto e la loro valorizzazione”. Nella ratio di questo percorso, si colloca la ricerca documentale relativa ad un aspetto della cultura “popolare e materiale, quest’ultima troppo spesso ritenuta di rango inferiore e di conseguenza destinata alla noncuranza e/o al degrado”. La mostra avrà luogo presso la Sala Alabardieri di Palazzo Comunale.

Nei primi anni ’80 due docenti dell’allora Istituto Beltrami-Vacchelli, le professoresse Elena Contucci Quintani (fondatrice del GBV) e Rosanna Ghisi (storica istruttice del GBV) avevano proceduto ad una ricerca riguardante le santelle presenti in città, (con particolare riferimento al centro): una sorta di schedatura di ogni singola santella corredata da fotografie (realizzate dalla stessa Ghisi) e dalla relativa indagine storica. Il frutto del loro lavoro è stato pubblicato nel 1983 sul settimanale diocesano ‘Vita cattolica’ di Cremona attraverso una cinquantina di piccoli articoli.

Il Gruppo si propone ora di raccogliere in questa mostra fotografica (e in un volume di prossima pubblicazione) il frutto della ricerca, valorizzandola, con lo scopo di raffrontare le singole santelle così come si presentavano 35 anni fa, con lo stato attuale, e rilevare così i mutamenti dovuti a restauri o al naturale processo di degrado. La ricerca delle due docenti viene così integrata dall’aggiunta di circa una trentina di santelle che non erano state censite, o perché collocate successivamente all’indagine o perché riemerse in seguito a lavori di restauro, o per altri motivi. In questo caso, la documentazione, per ora solo fotografica, verrà integrata da un’opportuna ricerca storica tutt’ora in corso di elaborazione.

L’esposizione è anche testimonianza della produzione artistica di molti scultori e pittori cremonesi attivi soprattutto nel secolo scorso. La mostra, che verrà inaugurata alla presenza del Sindaco, è stata curata da Marcella Fenti, referente del Gbv, e Pierpaolo Peri direttore del corso annuale di fotografia che sono anche gli autori degli scatti con altri membri del gruppo: Mariano Biazzi Alcantara, Marina Cerioli, Fabio Signorini, Ilaria Miglioli ed Emanuela Denti. E’ stato possibile realizzare la mostra grazie ai contributi offerti al Gruppo fotografico Beltrami-Vacchelli dal Club Soroptimist di Cremona, di cui ricade il cinquantennale dell’attività proprio nei prossimi giorni, che ha voluto ricordare con questa iniziativa la socia Elena Contucci Quintani deceduta nell’anno 2012. Altri contributi sono stati elargiti dal Comune di Cremona e dalla ditta Fantigrafica di Cremona.

© Riproduzione riservata
Commenti