Commenta

Al parco Sartori il primo
patto di collaborazione
tra Comune e cittadini

Esordio ufficiale per il ‘patto di collaborazione’ tra Comune e cittadini, siglato ieri al parco Sartori alla presenza della vicesindaco Maura Ruggeri e dell’assessore al Welfare di Comunità Mauro Platè. Hanno apposto la firma sul documento Silvia Toninelli, dirigente del Settore Politiche Educative per conto del Comune, e Daniele Cristodoro in rappresentanza del Gruppo informale dei genitori della scuola per l’infanzia comunale “Martiri della Libertà”.

A questo risultato si è giunti infatti anche grazie all’impegno di questo gruppo di genitori che, due anni fa, ha intrapreso un percorso di confronto sul tema infanzia e vivibilità e ha individuato nel Parco Sartori un’area di attenzione e investimento. In questa area verde i genitori dei bambini della scuola infanzia organizzano feste di compleanno per i propri figli ed è un parco che la scuola stessa vede come risorsa per le proprie attività didattiche. E’ nato così il progetto denominato Kit delle feste, una dotazione di giochi che le famiglie potranno utilizzare gratuitamente per animare le feste, depositata in una casetta di legno posizionata nel porticato della scuola infanzia.

Ieri, all’uscita dalla scuola, i bambini, insieme a genitori ed insegnanti, hanno potuto vedere la casetta, esplorarne il contenuto, e mettersi alla prova con i giochi organizzati per l’occasione dalla Polisportiva Corona. Un momento di aggregazione e di scambio di informazioni, oltre che di festa, che si è concluso con una merenda per tutti.

Il patto siglato ieri definisce e disciplina le modalità di collaborazione tra il Comune e il gruppo informale dei genitori della scuola infanzia di via dei Classici per la realizzazione delle attività e degli interventi concordati in fase di progettazione condivisa. Gli obiettivi di questa collaborazione sono: far conoscere Parco Sartori come risorsa di incontro per famiglie e bambini; far conoscere alla cittadinanza l’importanza di prendersi cura del Parco come spazio pubblico, ma soprattutto come bene comune; sostenere le famiglie nell’organizzazione di momenti di festa rivolti ai bambini; collaborare con la scuola per l’infanzia comunale “Martiri della Libertà” per accrescere la partecipazione ed il protagonismo delle famiglie.Questo primo patto trova applicazione nel Regolamento per l’amministrazione condivisa e la cura dei Beni Comuni, risultato di un lungo percorso che ha visto un confronto ampio e partecipato con la cittadinanza, circa 80 i soggetti coinvolti, ed è stato approvato dal Consiglio comunale lo scorso mese di febbraio.

© Riproduzione riservata
Commenti