Commenta

Un cremonese tra i primi
istruttori italiani di scherma
storica qualificati dalla F.I.S.

Marco Ferrari, 34 enne di Castelleone, è diventato Istruttore di I° livello per la nuova disciplina riconosciuta F.I.S. La scherma storica, cioè l’arte marziale di tradizione europea svolta con repliche di armi museali d’epoca antica, ha finalmente acquistato credito presso la Federazione Italiana Scherma, assurgendo a disciplina marziale a tutti gli effetti, con esami e istruttori qualificati. Le arti marziali storiche europee, in gergo inglese h.e.m.a. (historical european martial arts), sono una pratica sempre più diffusa in Italia e nel mondo, coinvolgendo migliaia di persone all’interno di tornei, seminari, corsi, da Roma a Chicago passando per Vienna, con lo scopo di riportare in vita quelle tradizioni marziali legate all’utilizzo di spada a due mani, spada a striscia, sciabola, coltello, e tutte quelle armi sulle quali, durante i secoli, sono state lasciate testimonianze scritte da parte dei Maestri Antichi.

L’Italia è il paese più ricco al mondo di testimonianze di questa Arte misconosciuta: non è un caso che a Botticino, in provincia di Brescia, vi sia la più grande collezione al mondo di trattati di scherma antica e una grandissima collezione parallela di armi antiche, di proprietà del Maestro d’Arme Roberto Gotti, tra i cofondatori di A.I.M.A., l’associazione Italiana Maestri d’Arme, che ha realizzato con anni di lavoro l’obiettivo di portare ad un livello qualitativo e professionale molto elevato i praticanti la scherma storica.

Tra questi Marco Ferrari ha raggiunto la qualifica di Istruttore di I° livello con riconoscimento F.I.S., titolo per il momento in possesso di pochi altri praticanti in Italia (e nel mondo), a conferma della qualità dello studio sia in ambito culturale che marziale dello stesso Ferrari.

Attualmente sono attivi due centri per la pratica di Scherma Storica, a Botticino (Bs) e a Pantigliate (Mi), in cui sono insegnate la spada sola, spada e pugnale, spada a due mani e coltello. Il 2 e 9 ottobre a Botticino sono previsti due open day dove ragazzi e adulti potranno provare le discipline gratuitamente e impugnare una vera spada da arti marziali storiche europee. L’obiettivo è di aprire in futuro anche una sala a Cremona, in base alle richieste di interesse che perverranno.

© Riproduzione riservata
Commenti