6 Commenti

Gara per il ponte sul Po a
Casalmaggiore: sarà premiata
la velocità di esecuzione

Buone notizie per il ponte sul Po Colorno-Casalmaggiore: così almeno le definisce la Provincia di Parma, che parla di tempi accorciati, quasi dimenticando però la lunga attesa cui i pendolari sono già sottoposti da oltre un anno. In ogni caso, ottimismo o meno, la Commissione di gara è vicina alla conclusione dell’esame delle offerte tecniche. Si ricorda che il bando di gara prevede la possibilità per le imprese di ridurre i tempi di esecuzione dei lavori anche di 60 giorni, passando da 210 a 150 giorni naturali consecutivi, giustificandolo tecnicamente; l’eventuale riduzione è premiata con punteggi definiti. Conclusa questa fase di gara riservata, la Commissione aprirà le buste con le offerte economiche, in seduta pubblica.
La Commissione è al lavoro quotidianamente, trattandosi di personale della Provincia, e non vi sono tempi morti. Si prevede che concluderà i lavori per l’aggiudicazione entro il prossimo mese di ottobre, in anticipo sui tempi previsti. La consegna dei lavori potrebbe già avvenire entro l’anno ed entro i successivi 30 giorni verrà aperto il cantiere e iniziati i lavori. Infatti, la Provincia di Parma ha già sottoscritto l’accordo con i proprietari dei terreni limitrofi per l’occupazione temporanea. I tempi, dunque, saranno più corti qualora la ditta premiata preveda di riuscire ad accorciare i giorni di lavoro da 1 a 60 rispetto alla previsione iniziale.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Simone

    Così per fare veloce, si fa male e tra 5 anni stanno punto e a capo…

  • Blizzard

    Ma ad ultimazione dei lavori in progetto, poi il ponte sarà riaperto anche ai mezzi pesanti?

    • Mario Rossi SV

      E dove li fanno passare i TIR, su quello in ferro di Cremona?
      A Viadana il ponte é messo male, San Daniele é peggio infatti é senso unico e Cremona per loro é chiuso.

    • Orto

      Ma ti sei comprato il camion?

      • Blizzard

        Certo ho trovato un occasione, però non so come fare ad andare in Emilia Romagna senza prendere la A21

        • Orto

          É davvero un bel casino…. Se pensiamo che viviamo e lavoriamo nelle regioni che portano avanti il Paese ed abbiamo infrastrutture di me…da. brutto dirlo, ma c’è da vergognarsi, oltre che indignarsi e spendere soldi… Perché se facciamo l’A21 i soldi li spendiamo. Ce la faremo mai a cambiare in meglio questo Paese?