Commenta

Premio ANLAI 2018,
consegnato a Mondomusica
al Maestro Carlos Arcieri

E’ stato consegnato oggi, sabato 29 settembre, a Mondomusica dal presidente Gualtiero Nicolini e dai vice presidenti Salvatore Dugo, Cesare Gualazzini e Carlo Vettori il Premio ANLAI 2018 al maestro Carlos Arcieri, uno dei più grandi liutai e restauratori di oggi.

Nato a Barranquilla in Colombia, ha studiato arte all’Academia de Bellas Artes, Universidad del Atlantico a Barranquilla. Trasferitosi negli Stati Uniti ha iniziato a lavorare per la Rembert Wurlitzer Inc., ed è diventato allievo di Simone Fernando Sacconi. Nel 1974 ha aperto il suo primo negozio a New York, dedicandosi a tempo pieno al restauro e alla riparazione di strumenti ad arco di valore. Ha diretto il primo laboratorio con Vahakan Nigogosian presso l’Oberlin College e continua a tenere workshop presso le diverse Orchestre Nazionali in Colombia, l’Accademia Perosi di Biella e la Spanish Society of Luthiers and Bow Makers di Barcellona.

Presta i propri servizi presso la New York Philarmonic, la Juilliard School of Music di New York, la Metropolitan Museum String Instruments Collection, affermate fondazioni, collezionisti, musicisti di orchestre internazionali e solisti provenienti da Asia, Europa, Stati Uniti e Sud America. E’ membro fondatore della Federazione Americana di violino e Archettai.

Il Premio Anlai che ha 11 anni di vita è stato assegnato ai grandi della musica come Rostropovich, Zakar Bron, Yuri Bashmet, Uto Ughi, Masssimo Quarta, Roby Lakatos e a grandi della liuteria come Bissolotti, Vettori e Gualazzini. Questo premio è la ideale continuazione del Premio Baveno istituito negli anni ottanta da Gualtiero Nicolini nell’ambito del Concorso di Liuteria di Baveno e che fu assegnato ad altrettanti grandi liutai come Bisiach, Guicciardi, Morassi ed infine che l’ANLAI è stata ufficialmente invitata in Colombia dove a Bogotà e a Cartagena si terrà nel gennaio del 2019 una grande manifestazione per onorare la liuteria italiana.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti