Un commento

Operazione periferie sicure:
11 denunciati per minacce,
furti e violazioni di domicilio

Ben 11 le persone complessivamente denunciate, per i reati di violazione di domicilio, ricettazione, minacce aggravate e furto, altre due segnalate alla prefettura quali assuntori abituali di stupefacenti, due provvedimenti di espulsione e due ordini del Questore di lasciare il territorio nazionale: questo il bilancio dell’iniziativa ‘Operazioni periferie sicure’, svoltasi dal 24 al 29 settembre a Cremona, così come in altre province italiane.

Si è trattato di un’azione finalizzata alla predisposizione di misure mirate a garantire maggiori livelli di sicurezza nelle zone ritenute più a rischio, attraverso interventi improntati ad efficienza e visibilità tali da essere positivamente percepiti dalla cittadinanza.

L’attività è stata interforze e ha visto coinvolte la Polizia di Stato, l’Arma dei Carabinieri e la Guarda di Finanza e si è svolta con le seguenti modalità operative: nella prima parte della settimana sono stati predisposti mirati servizi di controllo del territorio e, nelle zone di particolare degrado, c’è stato l’avvio di una azione di contrasto principalmente rivolta allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Nella seconda parte della settimana l’attività si è svolta nelle aree centrali della città, con interventi di natura anche amministrativa nonché con verifiche e controlli presso gli esercizi commerciali e locali di intrattenimento. Durante l’attività sono state controllate oltre 500 persone, 250 veicoli e 19 esercizi commerciali.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Matteo

    “due ordini del Questore di lasciare il territorio nazionale” ahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaah