Commenta

Reindustria alla notte dei
ricercatori: matching session
tra aziende e studiosi

Si è svolto ieri, mercoledì 3 ottobre, presso il CRIT – Polo per l’Innovazione Digitale di Cremona l’evento A Tu per Tu con la Ricerca – Per le imprese che vogliono scoprire le attività di ricerca ed entrare in contatto diretto con uno o più ricercatori, organizzato in occasione della Notte dei Ricercatori 2018. La Notte dei Ricercatori è un’iniziativa promossa dalla Commissione Europea dal 2005 e coinvolge ogni anno migliaia di ricercatori e istituzioni di ricerca in tutti i paesi europei dell’unione. L’agenzia REI – Reindustria Innovazione, nel suo ruolo ponte tra imprese e università, l’ha reinterpretata così, nella forma di una Matching Session: incontri riservati one-to-one della durata di 15 minuti tra aziende e ricercatori, con l’ambizione di facilitare lo scambio tra questi due mondi sempre meno distanti. L’evento si svolge in collaborazione con il Comune di Cremona – Agenzia Informagiovani, il Comune di Crema, il Comune di Casalmaggiore, la Camera di Commercio di Cremona, il Consorzio CRIT.

Durante la prima ora dell’evento i ricercatori si sono presentati al pubblico, introducendo i loro temi di ricerca con le possibili applicazioni. A partire dalle 17.00 le aziende hanno avuto poi l’occasione di avere un primo contatto con il mondo della ricerca, tramite singoli appuntamenti con i ricercatori, per approfondire le tematiche proposte e instaurare collaborazioni innovative. L’evento ha visto la partecipazione di 13 ricercatori e docenti dalle Università del territorio. Per Politecnico di Milano: Elena Ficara, Filippo Renga, Gianni Ferretti, Luca Fumagalli ed Elisa Negri; per l’Università Cattolica del Sacro Cuore: Stefano Gonano, Daniela Bassi, Giorgia Spigno, Roberta Dordoni e Annalisa Rebecchi; per l’Università degli Studi di Milano Giovanni Righini, Marco Anisetti, Massimo Walter Rivolta.

Le tematiche di ricerca affrontate hanno spaziato dai sistemi innovativi di depurazione e valorizzazione dei reflui agro-zootecnici alla ricerca sulla sostenibilità della filiera agro-alimentare, studi di mercato, microbiologia e biotecnologie degli alimenti. Oltre che temi di robotica cooperativa, Industria 4.0, manutenzione predittiva, ricerca operativa per problemi decisionali complessi. Infine attenzione all’ambito digitale con esperti di sicurezza informatica, analisi automatica dei segnali per applicazioni biomedicali e gestione dell’innovazione nei servizi e avvio di nuove imprese in ambito digitale. Da Reindustria definiscono “molto positivi” i feedback dei presenti, sia dei rappresentanti delle imprese che dei ricercatori.

© Riproduzione riservata
Commenti