Commenta

Inaugurato per
la prima volta a
Cremona il ViolaFest

La toccata dell’“Orfeo”, eseguita nella trascrizione per archi del maestro Fiore, ha inaugurato ufficialmente l’edizione 2018 del “ViolaFest Nazionale”, kermesse ospitata per la prima volta a Cremona dopo Livorno, Firenze, Messina e Cosenza. Nella sala Maffei della Camera di Commercio si sono alternati in scena il Quartetto dell’Istituto Superiore di Studi Musicali ‘Claudio Monteverdi’, fondato nel 2014 da Francesco Fiore, e il Siena Viola Ensemble, nato nel 2012 in seno all’Istituto Superiore di Studi Musicali ‘Rinaldo Franci’ della città toscana.

In scaletta non è mancato un omaggio al Cigno di Busseto con le note del Va’ Pensiero da “Nabucco”. Dorotea Vismara, presidente dell’Associazione Italiana della Viola promotrice della rassegna insieme con le realtà musicali del territorio, ha dato il benvenuto al pubblico formato da appassionati ed artisti provenienti da tutta Italia. Numerosi gli eventi in programma per la tre giorni di manifestazione, come il concerto ad ingresso libero questa sera alle21.15 con protagonista Elias Goldstein, docente della Louisiana State University School of Music. Fra gli ospiti, da segnalare Bruno Giuranna, noto solista e direttore d’orchestra nonché docente dell’Accademia ‘Stauffer’ di Cremona. Durante la tre giorni del “ViolaFest Nazionale”, sarà visitabile nell’atrio di Sala Maffei un’esposizione di archi e viole.

Federica Priori

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti