Commenta

Innovazione digitale:
nasce lo Sportello
delle Riscossioni

Un nuovo sportello digitale, dedicato alla riscossione e agli adempimenti: questo lo scopo dello Sportello delle Riscossioni, che rappresenta un ulteriore passo avanti nel segno dell’innovazione e trasformazione digitale del Comune di Cremona. Si tratta dello Sportello delle Riscossioni, nuovo servizio web realizzato dal Comune in collaborazione con Ica s.r.l. di La Spezia, concessionario della riscossione ordinaria delle entrate comunali.

Le finalità dello Sportello sono state illustrate a SpazioComune dall’Assessore alla Risorse e all’Innovazione Maurizio Manzi, mentre Paolo Viani, direttore del Settore Economico Finanziario – Entrate del Comune, e Alessandro Bruschi, dirigente di Ica Srl Imposte Comunali e Affini, ne hanno spiegato il funzionamento.

Grazie allo Sportello delle Riscossioni, a breve disponibile, il contribuente potrà verificare la propria posizione (addebiti e versamenti) negli anni con riferimento a dati disponibili dal 2007 (situazione contabile); eseguire pagamenti al Comune (per esempio tributi, contravvenzioni, permessi, illuminazione votiva, mensa scolastica, rette asili nido, ecc.), anche attraverso il canale “pagoPA” (Nodo dei Pagamenti della Pubblica Amministrazione).

Come sottolineato dall’Assessore Maurizio Manzi, le finalità di questo nuovo servizio sono: agevolare i contribuenti nella conoscenza, in tempo reale, della propria situazione contabile nei confronti del Comune, semplificando l’attività di pagamento di quanto dovuto; limitare gli accessi agli sportelli comunali per richiedere informazioni ed effettuare pagamenti; migliorare l’appropriatezza dei dati, il controllo delle riscossioni, e l’efficienza complessiva dei processi.

Allo Sportello si accede, da qualunque postazione, esclusivamente attraverso il portale istituzionale del Comune di Cremona (www.comune.cremona.it), 24 ore su 24. Vi possono accedere le imprese che producono beni o servizi, i professionisti che operano sul territorio, i cittadini che, a diverso titolo, devono effettuare un pagamento a favore del Comune o desiderano consultare la propria situazione contabile.

Lo Sportello delle Riscossioni è un progetto che si inserisce a pieno titolo nei nuovi diritti di “cittadinanza digitale”, nei termini del diritto di garanzia di cittadini e imprese di accadere a tutti i dati, i documenti e i servizi di loro interesse in modalità digitale, attraverso l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Così lo Sportello delle Riscossioni va ad aggiungersi ai servizi online già attivi: lo Sportello Telematico, lo Sportello Unico delle Attività Produttive (Suap), alla Dematerializzazione delle procedure a carattere edilizio (SUE), ai certificati che è possibile ricevere online da Anagrafe e Stato Civile.

Modalità di accesso. Per quanto attiene alle modalità di accesso, alcuni servizi di questo Sportello richiedono l’autenticazione tramite l’accesso con SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o Cns (Carta Nazionale Sanitaria). Per altri, come i pagamenti spontanei e i pagamenti delle contravvenzioni al Codice della strada entro il 10° giorno, l’autenticazione non è necessaria.

I servizi senza autenticazione, attraverso i quali il contribuente può effettuare, sono il pagamento spontaneo di un tributo/tariffa servizio comunale, attraverso il canale pagoPA e mediante l’indicazione del codice IUV (Identificativo Univoco di Versamento); il pagamento spontaneo svincolato da una specifica pratica; la ricerca e pagamento contravvenzioni del codice stradale entro il 10° giorno dalla sanzione.

Con autenticazione, attraverso Spid o Cns, il contribuente può visualizzare la propria situazione contabile delle diverse posizioni, da pagare e/o trasmesse al coattivo in quanto insolute, e/o pagate; visualizzare la propria situazione contabile delle contravvenzioni al Codice della strada oltre il 10° giorno (da pagare e/o trasmesse al coattivo in quanto insolute e/o pagate).

La visualizzazione del dettaglio di una posizione, non ancora inviata alla procedura di riscossione coattiva, permette al cittadino la visione delle righe di dettaglio, la visione di allegati disponibili (ad es. avviso di pagamento); la visione di un’eventuale suddivisione in rate dell’importo da pagare (ogni rata presenta una sua scheda informativa con possibilità di pagamento); il pagamento di quanto dovuto e il dettaglio di quanto eventualmente già versato.

Se la posizione è già stata inviata alla procedura di riscossione coattiva, affidata dal Comune ad Abaco S.p.A. e che si attiva solo in caso di ritardato pagamento dopo il primo sollecito (almeno 60 giorni dalla scadenza del debito), il cittadino può accedere al dettaglio della sua posizione per visualizzare le informazioni delle righe di dettaglio; passare al portale di Abaco S.p.A., se la posizione è ancora da pagare, in tutto o in parte ; visualizzare il dettaglio di quanto eventualmente già versato; pagare quanto ancora dovuto solo dal portale di Abaco.

Come si paga. Il pagamento di quanto dovuto può avvenire, 24 ore su 24, con le seguenti modalità: conto corrente (tramite bonifico bancario o bollettino postale): home banking; carta di credito, debito, prepagata (scegliendo uno qualsiasi degli operatori aderenti al Nodo dei Pagamenti – pagoPA); altre modalità di pagamento (scegliendo un canale di pagamento alternativo come ad es. satispay). Le commissioni di pagamento richieste da ciascun operatore sono indicate dallo Sportello in ordine decrescente.

© Riproduzione riservata
Commenti