Commenta

Stagione concertistica,
dal 29 ottobre al via
gli abbonamenti

Jader Bignamini e Stefan Milenkovich

Al via gli abbonamenti per la nuova Stagione Concertistica 2018/19 del Teatro Ponchielli di Cremona. A partire da lunedì 29 ottobre e sino a venerdì 9 novembre sarà possibile rinnovare o sottoscrivere il nuovo abbonamento alla stagione concertistica 2018/19 del Teatro, mentre da sabato 10 novembre sarà possibile acquistare i biglietti per i singoli concerti.

La nuova Stagione Concertistica si articolerà, come di consueto, da dicembre ad aprile, con appuntamenti che vedranno protagoniste orchestre sinfoniche e da camera, tutte compagini di rilievo internazionale, con solisti e direttori d’orchestra di prestigio. Fra i solisti saranno presentati anche artisti emergenti di grande rilevanza artistica: la loro presenza, oltre allo scopo di dare il giusto spazio e risalto alle nuove realtà, è quello anche di avvicinare il giovane.

Orchestre sinfoniche e da camera di rilievo internazionale, solisti e direttori d’orchestra di grande pregio e, accanto a loro, i nuovi ma già affermati talenti: questa è la Stagione Concertistica 2018.2019 che si articolerà da dicembre ad aprile con nove immancabili appuntamenti. L’inaugurazione, come da tradizione a dicembre, sarà affidata all’Orchestra del Teatro “Carlo Felice” di Genova che, diretta dal poliedrico Andrea Battistoni, accompagnerà la giovanissima violoncellista Erica Piccotti, prodigio e promessa della musica classica italiana di oggi, particolarmente legata a Cremona in quanto allieva dei Corsi di Alto Perfezionamento per Strumenti ad Arco organizzati dall’Accademia W. Stauffer.

La programmazione proseguirà con un musicista fuori dal comune Giovanni Sollima. Il violoncellista, grazie all’empatia instaurata con il suo strumento, supportato dai Solisti Aquilani, proporrà un viaggio nel tempo tra il repertorio barocco e contemporaneo.

A seguire, una singolare serata in cui il tango argentino incontrerà la musica di Rossini: la viola di Anna Serova e l’ensemble Tango Sonos interpreteranno le arie delle opere più conosciute del compositore pesarese trasportate nella sognante atmosfera del tango degli anni ’40.

Un gradito ritorno è quello della Filarmonica Toscanini di Parma che dopo il successo del concerto tenuto lo scorso anno con il duo pianistico Ballista/Canino, si presenta ora con Ray Chen, violinista taiwanese di nascita ma australiano di adozione definito dai media “classical pop-star” grazie alla forte visibilità dei suoi video “virali” sui social che gli garantiscono un folto numero di followers. Il concerto sarà diretto da Daniel Smith, direttore d’orchestra che ha ottenuto rapidamente il plauso internazionale dopo aver vinto prestigiosi concorsi.

Sarà poi la volta dell’orchestra milanese laVerdi con un programma per grande orchestra sinfonica che toccherà autori quali Dukas, Stravisnsky e Rimsky-Korsakov. Sul podio il suo “residence conductor” Jader Bignamini, artista di origini cremonesi che ha varcato le porte dei più grandi teatri del mondo.

Ad aprile la Concertistica ospiterà Beatrice Rana, la “ragazza d’oro del piano”; definita così dai critici nazionali, si esibirà in due concerti di Bach con Amsterdam Sinfonietta, unica orchestra d’archi professionale di tutta l’Olanda.

Sempre ad aprile, un altro grande violinista, Stefan Milenkovich, che con l’Orchestra Filarmonica Marchigiana, affronterà un complesso quanto curioso programma che attraverserà più di 200 anni di storia della musica da Bach ai Queen.

Il cartellone si completerà con la presenza di altre due importanti orchestre in abbinata a giovani e talentuosi solisti già apprezzati da pubblico e critica internazionali: con la Münchener Kammerorkester si esibirà il pianista austriaco Aaron Pilsan, classe 1995, mentre la Kammerorchester Basel accompagnerà il pianista canadese Jan Lisiecki, anch’egli classe 1995, già ospitato dalle più importanti istituzioni concertistiche.

© Riproduzione riservata
Commenti