Commenta

In Lombardia nasce l'Unità
di missione per la sicurezza
di strade e ponti

E’ nata nella giornata di martedì l’unità di missione “Lombardia Sicura” per il monitoraggio e la regia delle criticità di ponti e strade in Lombardia. Una task force, votata in Consiglio regionale all’unanimità che è l’esito di una elaborazione condivisa nata da una mozione presentata in Aula dai consiglieri democratici, tra i firmatari il consigliere Matteo Piloni, lo scorso 11 di settembre.

L’unità di missione sarà una struttura tecnica e farà da cabina di regia per gli interventi di censimento e monitoraggio dello stato dei manufatti, di definizione di un archivio centralizzato di opere e necessità di intervento, di stilare una graduatoria delle priorità e di predisporre un piano finanziario ad hoc. Per ogni manufatto l’unità di missione promuoverà la realizzazione di un fascicolo contenente tutti i dati necessari alla manutenzione e gli interventi apportati nel tempo.

“Siamo arrivati a questo testo condiviso dopo qualche settimana di lavoro” spiega il consigliere dem. “Con l’unità di missione si potrà procedere con metodo e costanza, per prevenire ed evitare nuovi eventi drammatici, ma anche chiusure improvvise di strade e ponti. il Governo poi dovrà mettere le risorse, insieme alla Regione e agli enti concessionari. Dopo il crollo del ponte di Genova il ministro Toninelli ha chiesto con gran clamore una lista di criticità: la Regione gli ha mandato un elenco di duecentosettanta interventi necessari e da allora non è successo assolutamente nulla. La sicurezza si fa con i fatti, non con annunci roboanti”.

“In provincia di Cremona, poi, le questioni aperte sono molte” ricorda Piloni. “Dalla situazione dei treni al raddoppio della Paullese, dal ponte di Spino all’avvio dell’iter per il nuovo ponte di Casalmaggiore, al raddoppio delle tratte ferroviarie da Cremona a Mantova e Olmeneta”.

© Riproduzione riservata
Commenti