Ultim'ora
Commenta

Treni: passeggeri invitati
a prendere il successivo,
denuncia alla Polfer

Cambia la dirigenza, ma non la sostanza. Altra – l’ennesima – mattinata infernale per i pendolari della Brescia Parma. Inscatolati come sardine e bellamente invitati a prendere i treni successivi, come se il tempo per loro non contasse nulla, non contasse affatto. Ed ennesima segnalazione alla Polfer per sovrannumero.

“Ecco – ci scrive Silvia, una delle pendolari che ci hanno mandato le foto questa mattina – quello che deve subire un pendolare sulla Brescia-Parma. Treno delle 8.15 in partenza da Casalmaggiore per Parma, arrivato con 15 minuti si ritardo e UNA CARROZZA! Ha lasciato tutta la gente giù, io non mi lamento perché sono riuscita a infilarmi dentro, veterana, in 8 anni da pendolare ne ho viste tante. Ma adesso sta andando sempre più a rotoli la situazione! Ogni giorno un pendolare della Brescia-Parma si sveglia e sa che dovrà lottare per accaparrarsi il posto che, da abbonato PAGANTE MENSILE, gli spetterebbe. La gente HA IL DIRITTO di recarsi a lavoro serena e non di arrabbiarsi al mattino presto e vedere ore di permessi scalate, lo studente HA IL DIRITTO di recarsi a scuola spensierato senza il pensiero del ritardo, il turista o chi vuole recarsi a Parma/Brescia, il pendolare insomma generico, HA IL DIRITTO di non perdersi le coincidenze e di vedere rispettato il suo piano di viaggio. Invece che aiutarci in una situazione in cui il ponte è ancora chiuso (non mi lascerò in commenti in merito, sono troppo infuriata), ci stanno mettendo i bastoni tra le ruote. Sono indignata, mi sento umiliata e non rispettata, ma peggio ancora che prevale è il sentimento di DELUSIONE. Sono delusa dal mio paese, che amo e da cui non mi sono voluta spostare, E CHE NON VOGLIO ABBANDONARE per colpa di incompetenti che se ne infischiano del bisogno della gente comune”.

Stessa reazione quella di Elena: “Treno 20333: avvisi insensati, 20 min di ritardo, 1 sola carrozza, centinaia di persone stipate senza aria, il personale che ti dice di scendere e aspettare il prossimo….scene di ordinaria follia di un lunedì da pendolare che non ci sta e fa denuncia alla Polfer di Parma per sovrannumero”.

Le immagini parlano da sole. Inutile aggiungere altre parole per un servizio che ormai ha oltrepassato, e da tempo, i limiti della decenza. Un servizio pessimo, da qualunque parte lo si guardi.

 

© Riproduzione riservata
Commenti