Commenta

I fratelli Auricchio premiati
da EY nella
categoria Family Business

Questa sera, nell’ambito della XXII edizione del Premio EY che celebra l’imprenditoria italiana, Antonio, Giandomenico e Alberto Auricchio verranno premiati nella categoria Family Business, “per essere riusciti con grande passione, spirito di squadra ed attenzione alle persone, a raggiungere grandi traguardi, attraverso un modello di business vincente basato sulla qualità del prodotto e un’unione saldissima che sa rigenerarsi di padre in figlio garantendo continuità e sviluppo.” Questa la motivazione del premio che verrà consegnato loro stasera nel corso di una cerimonia a Palazzo Mezzanotte, sede di Borsa Italia a Milano.

“Questo Premio è per noi motivo di grande orgoglio e soddisfazione, perché ci conferma che il lavoro che abbiamo fatto in questi anni, carico di scelte davvero difficili, è stato riconosciuto come efficace e strategico – afferma entusiasta Antonio Auricchio – È una testimonianza del fatto che siamo tra le imprese simbolo dell’eccellenza Made in Italy nel mondo, animati da una fortissima passione per il nostro lavoro, vitale per continuare a crescere e guardare al futuro”. “Fatto a mano. Da Sempre.” E’ questa la sintesi dello stile di lavoro dell’impresa Auricchio, fedelmente impegnata a preservare le tradizioni e mantenere la promessa di offrire un prodotto artigianale di altissima qualità. “141 anni di storia di un’impresa e direi anche 141 anni di storia di eccellenza – dichiara con orgoglio Giandomenico Auricchio – con un peso e un’importanza della famiglia che sono sempre stati di grande rilievo: è grazie anche alla forte unione famigliare che siamo riusciti ad arrivare alla realtà che rappresentiamo.” Oggi fanno capo all’azienda sette unità produttive dislocate in Italia. Il provolone rimane il prodotto più rappresentativo – il 50 % del totale venduto in Italia e nel mondo è infatti a marchio Auricchio -, ma ciascuna unità è vocata alla produzione di specifici formaggi tipici del territorio permettendo all’azienda di produrre ed offrire una delle gamme più complete di formaggi della tradizione italiana. Parmigiano Reggiano, Gorgonzola, Pecorini, Taleggio, solo per citarne alcuni, conosciuti e apprezzati sul nostro territorio, ma anche esportati in 60 Paesi. “Abbiamo l’orgoglio di portare il Made in Italy nel Mondo – completa Alberto Auricchio – e lo facciamo mettendo il nostro nome su ciascuno dei nostri formaggi e quindi è ancora maggiore la responsabilità di offrire ogni giorno il massimo della qualità nel rispetto delle nostre origini e tradizioni.”

EY è leader mondiale nei servizi professionali di revisione e organizzazione contabile, assistenza fiscale e legale, transaction e consulenza ed organizza annualmente il premio riservato agli imprenditori che hanno contribuito in modo significativo alla crescita dell’economia italiana dimostrando intraprendenza, creatività e impegno. Oltre alla categoria Family Business vengono assegnati riconoscimenti a vari altri settori tra cui Strat Up, Eccellenza e tradizione, Sostenibilità, Innovation and Digital Transformation. Vincitrice assoluta quest’anno è Sonia Bonfiglioli, della Bonfiglioli Riduttori, “per aver portato, con determinazione e tenacia, il Gruppo, fondato dal padre nel 1956, ad affermarsi come una realtà mondiale fra le più importanti del proprio settore; capace di raccogliere e affrontare le sfide dettate dai tempi promuovendo ricerca e innovazione, ponendo sempre al centro il fattore umano”.

© Riproduzione riservata
Commenti