Ultim'ora
Commenta

Bosco dei nuovi
nati, anche il terzo
lotto è realtà

In occasione della Giornata Nazionale degli Alberi, è iniziata questa mattina la messa a dimora di 520 piante, pari al numero dei bambini nati a Cremona nel 2017, del Bosco dei nuovi nati, 3° lotto, nell’area di proprietà comunale individuata in via Martiri di Bagnara. L’iniziativa, promossa dal Comune di Cremona, è avvenuta grazie alla collaborazione dei Settori e Servizi degli Assessorati all’Ambiente, all’Istruzione e alla Vivibilità sociale, del Comitato di Quartiere 15 (Bagnara – Battaglione – Gerre Borghi), dell’ERSAF (Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste) Lombardia, che ha contribuito donando 50 piantine ad ogni scuola coinvolta: l’Istituto di Istruzione Superiore Stanga, la Scuola secondaria di primo grado Virgilio, le scuole primarie “G. Miglioli” e “A. Manzoni” di Cremona, la Scuola primaria di Bonemerse, e la Scuola infanzia Lacchini.

Sul posto, in rappresentanza del Comune di Cremona erano presenti l’Assessore all’Ambiente Alessia Manfredini e l’Assessore con delega alle Periferie Rosita Viola, c’erano inoltre Oreste Bini, Sindaco di Bonemerse, comune confinante con Bagnara, Gabriele Panena, Presidente provinciale dell’Ordine degli Agronomi, Luciano Losi, Presidente del Comitato di Quartiere 15, insieme ai componenti del Direttivo, e le insegnanti delle scuole che hanno partecipato all’iniziativa.

A partire dalle 10 tutti gli studenti coinvolti, dai più grandi ai più piccoli, hanno iniziato a mettere a dimora le piantine in dotazione provviste di apposite tutori. Nelle prossime settimane, grazie anche alla fattiva collaborazione con gli allievi dell’Istituto di Istruzione Superiore Stanga, si procederà al completamento del bosco. Come avvenuto per il primo lotto e il secondo lotto del Bosco dei nuovi nati (in via Bredina e in via Zocco), anche per questo terzo lotto l’ideazione di un apposito logo è stata affidata agli allievi dello IAL (III A Grafici).

In base a disposizioni legislative, che risalgono al 1992 e al 2013, i Comuni che hanno una popolazione superiore ai 15mila abitanti sono infatti tenuti alla piantumazione di un’essenza arborea per ogni nuovo nato registrato all’anagrafe o adottato. Con l’intervento di oggi viene innanzitutto data continuità al progetto avviato con il primo e il secondo lotto del Bosco dei nuovi nati, prosegue inoltre l’attenzione del Comune verso il verde pubblico e la sensibilizzazione di tutti al rispetto dell’ambiente, della natura, della salute e di quella dei bambini in particolare.

Con il bosco che crescerà a Bagnara viene riqualificata un’area verde, andando così ad accrescere il patrimonio arboreo cittadino, un’area destinata a diventare nel tempo anche un luogo di socializzazione e incontro all’interno del quartiere.

© Riproduzione riservata
Commenti