Commenta

STRADIVARImemorialday,
Mahler interpretato
da Kremer e Brunello

Manca poco meno di un mese allo STRADIVARImemorialday che quest’anno, come da tradizione al Museo del Violino, vedrà l’esibizione di Gidon Kremer e della sua Kremerata Baltica, insieme al violoncellista Mario Brunello. Kremer e Brunello si alterneranno alla direzione e suoneranno rispettivamente un violino Nicola Amati Hamburg 1641 e un violoncello Giovanni Paolo Maggini. Kremer, in particolare, è una delle personalità più geniali del panorama musicale internazionale. Violinista eccelso e istrionico, nel suo percorso non ha mai effettuato scelte scontate e convenzionali, impostando progetti che hanno fatto di lui un artista di culto. In questo progetto straordinario, Gidon Kremer e la sua Kremerata Baltica si avvalgono, come detto, della collaborazione di un formidabile violoncellista italiano, Mario Brunello, qui impegnato anche come direttore in alternanza con lo stesso Kremer, del pianista russo Michail Lifits e della violista Kristina Anuseviciute, per impaginare un programma interamente dedicato a musiche di Gustav Mahler, alcune appositamente arrangiate per orchestra da camera. La curiosità consiste anche nel fatto di poter ascoltare in una originale riduzione di organico opere originariamente monumentali, come la Quarta Sinfonia, proposta in trascrizione per archi, quintetto di fiati, fisarmonica e percussioni, e l’Adagio della Decima, l’enigmatica Sinfonia rimasta incompiuta. Lo spettacolo, che avrà luogo come da tradizione al Museo del Violino nell’Auditorium Giovanni Arvedi martedì 18 dicembre alle ore 21.00, sarà preceduto dall’incontro in sala conferenze Giuseppe Fiorini con Fausto Cacciatori, conservatore delle collezioni MdV (ore 17.30, ingresso libero).

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti