3 Commenti

Cr-Mn opera sorpassata tiene
in ostaggio il territorio: M5S
stronca il 'ritorno di fiamma'

“Leggiamo del ritorno di fiamma della vecchia politica nei confronti dell’autostrada CR/MN. Il M5S dice basta al fumo negli occhi dei cittadini e promesse di opere sorpassate con costi faraonici che crescono di anno in anno. Sull’autostrada Cremona-Mantova pensiamo sia giunto il momento di calare definitivamente il sipario”. Secondo il consigliere regionale Marco Degli Angeli, Cinque stelle, si tratta di una “autostrada inutile, di grande impatto negativo sull’ambiente e sul tessuto imprenditoriale. Serve pragmaticità e programmazione territoriale”.

Il commento di Degli Angeli arriva due giorni dopo l’approvazione in consiglio provinciale del documento presentato da Forza Italia che chiede di portare l’infrastrutture al Tavolo della competitività che si terrà  in regione martedi 11 dicembre. Un’opera a cui guarda con favore anche il vicesegretario del Pd provinciale, Andrea Virgilio: “Di fronte a un clima diffuso nel paese di contrapposizione verso le grandi opere, penso invece che per essere competitivi ed efficienti, sia necessario investire sul proprio territorio e sulle sue dotazioni infrastrutturali. Questo paese ha bisogno di un piano di investimenti pubblici e privati indirizzati alla manutenzione dell’esistente quanto alla realizzazione di nuove iniziative. Ben venga quindi l’ordine del giorno bipartisan in Provincia che offre al nostro territorio l’opportunità di presentarci in Regione con una voce unica e per avere finalmente delle risposte sulle partite infrastrutturali che da anni attendono chiarezza e concretezza”.

Parere opposto a quello dei 5Stelle: “Il rilancio del territorio – continua Degli Angeli –  non parte da un’autostrada, ma da opere utili e realizzabili nel breve/medio termine. È dal 2002 che questo miraggio tiene bloccato un intero territorio! Quest’opera ha visto incrementare i costi fino ad arrivare, in coerenza con gli esiti della valutazione di impatto ambientale, aggiornata al 2014, ad un importo di 1.083.000 euro, con un aumento del 43,2 per cento del costo di realizzazione rispetto a quanto previsto dalla convenzione di concessione sottoscritta nel 2007 con ILspa, pari a 756 milioni di euro”.

Secondo i pentastellati è necessario anche ricollocare i fondi regionali già previsti e pari a 108 milioni di euro per la realizzazione di interventi di potenziamento, riqualificazione e messa in sicurezza della provinciale 10, Padana Inferiore e altre piccole opere di raccordo stradale strategiche. L’impegno sarà massimo anche nei confronti del raddoppio della linea ferroviaria Cremona-Mantova ed elettrificazione della Brescia Parma. “Abbiamo bisogno di ponti sicuri , strade esistenti in sicurezza, e ferrovie funzionanti. Progetti utili, realizzabili, con copertura finanziaria utili a cittadini, imprese e che rispettino l’ambiente. Basta promesse irrealizzabili ed inutili! Inoltre alla luce dei recenti cambiamenti che hanno coinvolto la società Centropadane dal punto di vista patrimoniale e data l’incertezza sulla bancabilità del progetto, evidenziata anche dal presidente Attilio Fontana, riteniamo opportune che Regione Lombardia faccia valere quanto previsto dall’articolo 36 della convenzione relativo alla decadenza della concessione senza penali”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Mario Rossi SV

    Detto da chi dice che un ponte deve essere un luogo vivibile…

  • Romolo

    Geniale, da che ci siamo proporrei la piantumazione dell’A21 rendendola terreno di caccia e pesca e raccolta di bacche per rilanciare l’economia territoriale.

  • Mirko

    Vorrei ricordare che se costruisci poi devi anche mantenere efficiente la struttura…..chi paga?