Cronaca
Commenta

Eliminazione barriere architettoniche in quattro impianti sportivi

Nella foto di repertorio, Un sopralluogo al campo di calcio al Po della scorsa estate

Saranno resi agibili ai portatori di handicap gli spogliatoi di alcuni dei più frequentati impianti sportivi comunali dati in gestione alle società. Il Comune ha approvato i progetti di fattibilità tecnico – economica per l’abbattimento delle barriere architettoniche presso i locali del campo da calcio del Cambonino; presso la palestra sempre del Cambonino, e poi alla palestra di scherma in piazzale della Croce Rossa e il campo al Po di Piazzale Atleti Azzurri d’Italia. Il quadro economico redatto ai tecnici comunali prevede un investimento che, con le somme a disposizione, andrà a finanziare anche altri interventi dello stesso tipo: recupero della scalinata di accesso di santa Maria della Pietà,  adeguamento ascensore scuola primaria Monteverdi, sostituzione servoscala alla media Anna Frank e realizzazione di nuova rampa di accesso sempre a S. Maria della Pietà. L’investimento complessivo è di 128mila euro, di cui 65mila per gli spogliatoi dei quattro impianti sportivi e il resto come somme a disposizione.

Gli interventi si rendono necessari in quanto attualmente alcuni spogliatoi non sono provvisti di servizi igienici per portatori di handicap. In generale questo obiettivo viene raggiunto con l’ampliamento di un bagno in uno degli spogliatoi esistenti  al posto di un locale doccia o servizio igienico attiguo. Le lavorazioni previste sono: rimozione dei sanitari esistenti, demolizione di divisori, pavimenti e sottostanti massetti, di rivestimenti; modifica dell’impianto igienico-sanitario e di riscaldamento; fornitura e posa di nuovi massetti, pavimenti e rivestimenti; nuove porte per interni; posa di sanitari e accessori per disabili. Si potranno poi aggiungere, dove necessario, rampette interne o esterne per il superamento dei dislivelli e la modifica di alcune porte per adeguarene le dimensioni alla normativa vigente delle barriere architettoniche.

© Riproduzione riservata
Commenti