Commenta

Capodanno, al Ponchielli
Dirty Dancing in occasione
dei 30 anni del film

Un capodanno “coinvolgente con balli sfrenati e brani travolgenti” questo è Dirty Dancing, speciale allestimento per i 30 anni del celebre film, in scena al Teatro Ponchielli il 31 dicembre ore 21.15 (in replica il 1 gennaio ore 16.00). Un musical, che come il film, ha “appassionato vecchie e nuove generazioni di fans, con la storia d’amore tra Baby ed il bel maestro di ballo Johnny, le atmosfere anni ’60 e suoi balli ‘proibiti’: un vero e proprio cult senza tempo”. Con queste parole presentano dal Ponchielli lo spettacolo di capodanno.

Dirty Dancing è un titolo da record: un successo planetario al cinema, un Golden Globe e un Oscar per il brano ‘(I’ve Had) The Time of My Life’, oltre 40 milioni di copie della colonna sonora vendute e, solo negli Stati Uniti, oltre 11 milioni di dvd e Blu-ray. A teatro, in paesi di consolidata tradizione di spettacoli musicali come Inghilterra e Germania, ha ottenuto i più alti incassi nella storia del teatro europeo.

In Italia lo spettacolo ha debuttato per la prima volta in assoluto nel 2014, al Teatro Nazionale di Milano, ed ha registrato il record d’incassi con oltre 115.000 presenze nei primi 3 mesi di rappresentazione e 8mila persone hanno inoltre assistito alla speciale rappresentazione all’Arena di Verona nell’agosto del 2015. Per il pubblico la versione teatrale si può considerare oramai, come succede per il film, “un classico da vedere e rivedere per vivere ogni volta tutte le emozioni e la magia di una storia senza tempo”.

‘Dirty Dancing, the Classic Story on Stage’ ha la capacità di “conquistare e coinvolgere non solo gli habitué del genere”, ma di avvicinare al teatro tutta una nuova ed eterogenea parte di pubblico, “impaziente di assistere ‘dal vivo’ alla storia d’amore tra Johnny e Baby raccontata da musiche e coreografie indimenticabili, fedelmente riprese dalla versione cinematografica”. Lo speciale allestimento per i 30 anni del film è firmato dal regista Federico Bellone, con la supervisione di Eleanor Bergstein, autrice del film e dello spettacolo teatrale. Anche in questa nuova versione la colonna sonora comprenderà, oltre all’iconico brano’(I’ve Had) The Time Of My Life’, hit come ‘Hungry Eyes’, ‘Do You Love Me?’, ‘Hey! Baby’ e ‘In the Still of the Night’.

© Riproduzione riservata
Commenti