2 Commenti

E' morto don Stefano
Moruzzi, parroco
di San Pietro al Po

E’ morto nella notte di Santo Stefano don Stefano Moruzzi, parroco a San Pietro. Il sacerdote, che aveva appena compiuto 68 anni, nel giorno di Natale, è stato colpito, nella prima mattina del 27 dicembre, da un infarto che non gli ha lasciato scampo: vani sono stati i tentativi di rianimarlo da parte dei soccorritori.

La camera ardente, fa sapere il sito della Diocesi, sarà allestita, dalle 9.30 di venerdì 28 dicembre, nella chiesa parrocchiale di S. Pietro al Po, dove venerdì sera alle 21 si svolgerà una veglia di preghiera. Le esequie saranno presiedute dal vescovo Antonio Napolioni alle 9.30 di sabato 29 dicembre a S. Pietro al Po: quindi la salma sarà trasferita nel cimitero di Longardore.

Don Stefano Moruzzi è nato a Longardore il 25 dicembre 1950 ed è stato ordinato sacerdote il 21 giugno 1975. La sua prima Messa l’ha celebrata proprio nella parrocchia cittadina di San Pietro al Po. Laureato in Lettere a Milano ha svolto numerosi incarichi, anche a livello diocesano. È stato segretario del vescovo Amari (1975-1976), vicario di Sant’Archelao in Castelverde (1975-1980), vicerettore del collegio Gregorio XIV in Cremona (1980-1983), assistente spirituale dell’università Cattolica di Milano (1983-1985), insegnante presso il Seminario vescovile “S. Maria della Pace” (1985-1992), responsabile dell’anno di propedeutica del Seminario vescovile (1986-1987), amministratore parrocchiale di Casalsigone (1986-1987).

Nel 1987 è stato nominato parroco di Cavatigozzi e nel 1995 è stato trasferito, sempre in qualità di parroco, nella comunità di Martignana di Po. Nel 2002 la nomina a parroco di Calcio, popolosa cittadina bergamasca.
Nel 2012 il trasferimento a Cremona, come successore di mons. Arcagni alla guida della comunità di San Pietro al Po. Dal 2014 al 2017 è stato anche parroco della parrocchia cittadina di S. Agostino.

lb

© Riproduzione riservata
Commenti
  • giorgino carnevali

    CIAO.
    E’ proprio vero, qua siamo solo di passaggio. Ciao don Stefano, ciao, che dispiacere che mi hai dato! Ciao.

  • erisso

    Un bravo e colto sacerdote. Una persona buona. Ci mancherà.