Cronaca
Commenta2

50 cani in casa in condizioni di degrado: intervento di Ats e Polizia Locale

Vivevano in un caseggiato diroccato alle porte della città, in zona Maristella, tra rifiuti, topi ed escrementi, in condizioni di estremo degrado. Una cinquantina di cani sono stati trovati e sequestrati dagli agenti della polizia locale di Cremona, in collaborazione con i tecnici e i veterinari dell’Ats Valpadana e i volontari dell’associazione Anpana Onlus che gestisce il canile di Calvatone. Gli animali – tutti di taglia medio-piccola, sporchi, spaventati, in alcuni casi denutriti – appartenevano a un’anziana che viveva sola all’interno dello stabile in condizioni di grande fragilità sociale. In assenza della proprietaria a prendersi cura degli animali erano alcune vicine di casa che fin da subito però si sono rese conto della delicatezza della situazione.

Questa mattina, venerdì 25 gennaio, in seguito alla segnalazione di un vicino preoccupato per il continuo abbaiare dei cani, l’intervento delle forze dell’ordine e dei sanitari. Una volta entrato nell’abitazione il personale ha verificato le condizioni dì salute degli animali, identificando anche quelli sprovvisti di microchip, per poi trasportarli un po’ alla volta nella struttura di Calvatone, convenzionata col Comune, in attesa di poter dare avvio alle pratiche di adozione.

Per ore agenti e veterinari hanno cercato, non senza fatica, di avvicinare e di recuperare gli animali, che spaventati si nascondevano ovunque nelle stanze e nel cortile dell’edificio. Ancora non definito il numero esatto dei cani: secondo le testimonianze dei vicini infatti nelle ultime settimane sarebbe nata anche una cucciolata di cui però al momento non c’è ancora traccia. Il caseggiato – dopo un sopralluogo di un tecnico dell’Ats – verrà dichiarato inagibile per mancanza delle condizioni igienico sanitarie richieste per legge. Nessuno dei cani presenti risulta essere stato ferito o maltrattato. Per questo motivo la polizia ne ha disposto un sequestro soltanto di tipo amministrativo.

Michela Cotelli

© Riproduzione riservata
Commenti