Un commento

Mal'aria, i ministri di Sanità
e Ambiente convocano
le regioni più inquinate

Il ministro della Sanità Giulia Grillo e quello dell’Ambiente Sergio Costa convocheranno nelle prossime settimane i governatori delle regioni più inquinate d’Italia, ossia  Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Veneto e con loro i sindaci dei grandi centri urbani “per trovare un nuovo accordo che preveda misure e azioni sempre più efficaci a tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente. I dati recentemente diffusi dall’Agenzia Europea dell’Ambiente attestano che il 95% dei cittadini europei a rischio di malattie per polveri ultrasottili pm 2.5, biossido d’azoto e ozono vivono nel nord del Paese”. E’ il ministro Grillo ad annunciare l’incontro dalla sua pagina facebook.
“In Italia – prosegue –  secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e dell’Istituto Superiore della Sanità, ogni anno si registrano tra le 85.000 e le 90.000 morti premature causate dall’inquinamento, la maggior parte nelle regioni della pianura padana, una delle zone più inquinate d’Europa e del mondo.
Anche per questo l’Italia è sotto infrazione europea per la qualità dell’aria. Il Ministero dell’Ambiente sta firmando protocolli con le regioni maggiormente coinvolte per azioni strutturali mirate a migliorare la qualità dell’aria.
Ma è giusto agire insieme perché quello dello smog è un problema di ambiente e di salute. Secondo il rapporto Legambiente Onlus Mal’Aria, nel 2018 sono stati superati i limiti di legge in ben 55 capoluoghi di provincia in Italia e Brescia risulta la città più inquinata della Penisola.
È tempo di agire tutti per intraprendere senza esitazione i cambiamenti necessari. L’aria e la salute sono un bene comune!
La lotta all’inquinamento e ai cambiamenti climatici non deve vederci divisi ma uniti. Per noi, per i nostri figli, per il nostro futuro”.

“Che si siano mossi in sinergia i Ministeri di Ambiente e Salute è particolarmente significativo e attesta che finalmente a Roma sta cambiando qualcosa nell’interesse dei cittadini”, comment il consigliere regionale M5S Marco degli Angeli. L’inquinamento atmosferico si vince con politiche ambientali e di tutela della salute pubblica sinergiche.
Ci auguriamo che Regione Lombardia faccia la sua parte, il Presidente Attilio Fontana ha l’occasione di avviare un’interlocuzione preziosa e una collaborazione concreta nell’interesse dei cittadini. Questa occasione di cambiamento non può essere sprecata”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Luca Nolli

    Dopo tutte le morti premature e le malattie croniche causate dal inquinamento:
    Finalmente si fa’ qualcosa !
    SERVIVANO 5 STELLE AL GOVERNO