Cronaca
Commenta15

Clamore sul video della studentessa fatto girare in rete. Indagano i vigili

Ha suscitato non poco clamore la notizia del video hard girato da una 17enne studentessa in una scuola cremonese diffuso poi in rete a sua insaputa e diventato virale. La denuncia è stata ufficialmente sporta dalla famiglia della ragazza. Sul caso stanno indagando gli agenti della polizia municipale guidati dal comandante Pierluigi Sforza. L’indagine è mirata ad identificare gli autori della divulgazione del video che rischiano una denuncia per il reato di diffusione di materiale pedopornografico. Proprio a causa di quanto accaduto, la minore, esposta alla gogna virtuale, non si è più presentata in classe. Ad aiutarla ci sono gli stessi vigili e una rete di assistenti sociali che stanno lavorando per farle affrontare e superare questo difficile momento. Un paio di settimane fa la 17enne ha avuto l’idea di girare un video spinto da ‘regalare’ via whatsapp al suo fidanzato, un ragazzo che non frequenta la sua stessa scuola. Immagini forti della durata di un minuto e mezzo che però si sono presto diffuse, fino ad arrivare sugli schermi dei telefonini dei compagni di scuola della ragazza e di altri studenti di numerosi istituti delle province limitrofe. Addirittura qualcuno, sembra un’amica del fidanzato, ha caricato il video su YouPorn, noto sito hard, e ha condiviso il link, inviandolo a più persone. Le immagini, grazie all’intervento degli agenti della polizia postale, sono comunque già state cancellate dal sito pornografico. La municipale ora è al lavoro per identificare chi ha diffuso il video e condiviso le immagini. Un fenomeno, quello del cyberbullismo o del sexting, vale a dire la diffusione volontaria di foto più o meno hard, che è sempre più dilagante tra i giovani e che non bisogna assolutamente sottovalutare.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti