Cronaca

Apparenti ladri, veri turisti Rifiutano l'identificazione, denunciati due israeliani

Trambusto, oggi in corso Mazzini. Un uomo e una donna sono stati scambiati per ladri, ma in realtà erano turisti israeliani di passaggio a Cremona. Quando la coppia è stata notata aggirarsi in centro dagli agenti della squadra mobile, ha destato subito dei sospetti, in quanto i due comunicavano tra loro con un walkie-talkie e con un auricolare. La coppia è quindi stata seguita lungo corso Mazzini fino all’incrocio con piazza Lodi. Ad un certo punto l’uomo si è fermato davanti alla vetrina di un negozio, mentre la donna è entrata in un negozio di abbigliamento. Il sospetto che i due fossero ladri pronti a colpire era molto forte. Successivamente si sono divisi, ma proprio in quel momento sono stati fermati dagli agenti che hanno chiesto ad entrambi i documenti. E’ stato allora che la coppia ha iniziato a dare in escandescenze, urlando e sbraitando. L’uomo, in particolare, era molto agitato, tanto che per calmarlo i poliziotti guidati dal dirigente Mattia Falso si sono visti costretti a mettergli le manette. Alla scena hanno assistito diversi passanti e curiosi. Nel frattempo i due fermati sono stati raggiunti dalla guida turistica che agli agenti ha rivelato che si trattava di turisti del suo gruppo. Non è stata però in grado di spiegare il motivo per cui la coppia era dotata di walkie-talkie e auricolare. Una volta appurato che nel negozio non era stato rubato nulla, sia per la donna che per l’uomo, un ex militare dell’esercito israeliano che soffrirebbe di disturbi post traumatici, è comunque scattata una denuncia per resistenza al controllo.

Sara Pizzorni

 

© Riproduzione riservata
Caricamento prossimi articoli in corso...