Commenta

Cremonese, a Venezia
sfida salvezza. Rastelli:
'Dipende solo da noi'

Rastelli durante l'ultima gara contro il Benevento, vinta 1-0 dalla Cremonese (foto Sessa)

Alla vigilia della delicata trasferta di Venezia di domani, domenica 17 marzo (calcio di inizio alle 15.00), l’allenatore della Cremonese ha parlato in conferenza stampa. “Quel gol di Emmers – spiega Rastelli parlando del fondamentale successo sul Benevento nell’ultimo turno arrivato al 94′ – ha fatto bene alla squadra, oltre che a lui. L’esultanza e il boato dello Zini sono stati una vera liberazione da cui abbiamo tratto solo benefici. E quella grande atmosfera ci ha accompagnati durante la settimana”. Spezzare il tabù trasferte a questo punto della stagione diventa fondamentale per i grigiorossi, come spiega il tecnico: “I limiti, in trasferta  sono solo mentali: il rettangolo verde dove si gioca è sempre quello, dobbiamo trovare fiducia e coraggio come in casa. Le partite le prepariamo allo stesso modo e dato che la salvezza passa anche dalle partite fuori casa dobbiamo avere la convinzione giusta per cercare la vittoria come se giocassimo davanti al nostro pubblico”.

Tifosi che a Venezia saranno presenti in numero massiccio e che Rastelli chiama a raccolta: “A me e ai ragazzi fa molto piacere. I nostri tifosi non ci hanno mai fatto mancare il loro sostegno, vorremmo davvero regalare loro un altro risultato positivo. Per riuscirci non dovremo avere fretta, giocare in modo frenetico accresce l’ansia. Le qualità le abbiamo, le idee anche: alla squadra chiedo di giocare con la giusta spensieratezza pur nella consapevolezza che non potremo sbagliare”. Per la sfida salvezza del ‘Penzo’, l’allenatore recupera Adriano Montalto, ma, in difesa, perde Antonio Caracciolo per squalifica. Probabile, in ogni caso, che Rastelli confermi il 3-5-2 delle ultime uscite, con Dario Del Fabro che dovrebbe tornare nell’undici titolare.

“Recuperiamo Montalto – spiega Rastelli -: le due gare con la Primavera gli hanno permesso di ritrovare il ritmo gara e adesso sta a me capire come impiegarlo al meglio. In difesa, invece, scontiamo la squalifica di Caracciolo. Per questo abbiamo provato una serie di soluzioni alternative. Certo, dispiace dover cambiare dopo una gara come quella con il Benevento, ma guardiamo avanti”. Il tecnico, infine, si sofferma sul rapporto con Serse Cosmi, neo allenatore del Venezia che conosce benissimo la Cremonese per averla vista dal vivo diverse volte nel corso di questa stagione: “Io e Serse ci conosciamo benissimo, Cosmi sa dare una grande carica alle sue squadre e quindi siamo consapevoli delle difficoltá che incontreremo. Ma sappiamo anche che la soluzione dipende da noi, dal nostro atteggiamento e dalla voglia di tornare da Venezia con un risultato positivo”.

© Riproduzione riservata
Commenti