16 Commenti

Indice del clima,
Cremona tra le città
peggiori d'Italia

Clima decisamente pessimo a Cremona, che risulta essere una delle peggiori città italiane sotto questo punto di vista, con un posizionamento, nella classifica sull’Indice del Clima stilata dal Sole 24Ore, al 102 posto su 107. Un dato decisamente preoccupante, considerando che questo aspetto pesa fortemente sulla qualità della vita di chi abita un territorio.

Sono dieci gli indicatori che vengono analizzati dai ricercatori, che rilevano le performance meteorologiche dal 2008 al 2018. In particolare, Cremona risulta posizionata peggio per quanto riguarda la presenza di nebbia, indicatore che ci vede al 103º posto, con 46 giorni annui con nebbia in almeno una fascia esaoraria. Segue l’indicatore relativo ai giorni di freddo, che vede Cremona al 98º posto con 35 giorni annui in cui la temperatura massima percepita è inferiore a 3 gradi.

Cremona bocciata anche per la presenza scarsissima di brezza estiva, a calmare l’afa tipica del nostro territorio: nella stagione si misurano infatti venti solto a 3,4 nodi medi giornalieri. D’altro canto sono poche anche le ore di sole giornaliere, mediamente solo 6,8: un dato per cui la nostr città è all’82º posto in classifica.

E ancora, a peggiorare la situazione sono le ondate di calore, indicatore per cui Cremona è al 76º posto, con temperature che hanno superato i 30 gradi per tre giorni consecutivi 68 volte nell’ultimo decennio. Insomma, se in inverno fa fin troppo freddo, in estate fa fin troppo caldo. Allo stesso modo, sono 66 i giorni annui in cui la temperatura percepita è superiore ai30 gradi (in questo caso il parametro è l’indice di calore, per cui Cremona è al 73º posto).

La città del Torrazzo risulta, nonostante negli ultimi anni si stia confermando un clima particolarmente secco, anche una delle più piovose: anche per questo parametro si classifica al 73º posto, sempre secondo il Sole 24Ore, con 92 giorni ogni anno in cui piove, anche poco.

Si sale invece lungo la classifica con altri tre parametri, e in particolare quello degli ‘eventi estremi’, ossia i giorni annui per accumulo di pioggia superiore ai 40 millimetri, che sono 22 e che vedono Cremona al 44º posto, l’umidità relativa (che è comunque alta anche se colloca la città al 41º posto), con 183 giorni annui al di fuori dei valori di confort climatico (ossia un tasso di umidità compreso tra 30 e 70 per cento). Infine Cremona si colloca al terzo posto per la scarsità di raffiche di vento, che superano i 25 nodi solo 0,5 giorni all’anno: questo potrebbe essere un dato comunque negativo, considerando che l’assenza di vento provoca accumuli di smog.

Guardando alla classifica complessiva, del resto, emerge che le città della Pianura Padana sono quasi tutte in fondo alla classifica, a causa del clima continentale che vi persiste.

Laura Bosio

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Betty

    Questo purtroppo si sa da tempo….l’aria è irrespirabile, i decessi per forme tumorali sono sempre alti e nessuno fa niente.

  • Illuminatus

    Ragione in più per cui dovremo andare tutti in bicicletta ed a piedi… a respirare questa porcheria, a pieni polmoni, per la maggior parte prodotto altrove!

    Ma stiamo scherzando? Non ho intenzioni di suicidarmi…

    • Diretur

      Illuminatissimo, le sfugge forse – ma non penso sia possibile – che all’interno dell’abitacolo gli inquinanti sono ancor più che fuori? E che in casa le concentrazioni di polveri sono maggiori che all’esterno?!
      Suvvia

      • Illuminatus

        Cosa è, un “disco rotto”?

        • Diretur

          touché

  • Jo Pesce

    Grazie sindaco ,grazie Manfredini.terremo questo in considerazione per le prossime elezioni.anche in Basilicata avete toppato. Zingaretti,che per me è un giovane Bersani perché dice le stesse cazzate,era contento perché arrivato secondo.Zingaretti e compagni siete dei poveretti

    • Italiana

      Ma cosa c’entrano con IL CLIMA????

      • Illuminatus

        Umm… forse perché non hanno chiuso l’inquinante inceneritore come PROMESSO? O perché prima ancora, sono stati loro a costruirlo, in barba ad un referendum popolare che lo aveva sonoramente bocciato? Quando il sindaco all’epoca era addirittura un medico?

        E poi dicono, ora che l’aria è satura di inquinanti, andatevi a procurare un bel tumore ai polmoni, andando a piedi ed in bicicletta? No, thanks.

        • Diretur

          Illuminatissimo, le sfugge forse – ma non penso sia possibile – che all’interno dell’abitacolo gli inquinanti sono ancor più che fuori? E che in casa le concentrazioni di polveri sono maggiori che all’esterno?!

          • Illuminatus

            Dovrebbe vedere nel mio barbecue…

          • Diretur

            Il consumo di carne ai ferri e quindi bruciacchiata fa molto male, attenzione. Accenda i fari anche su questo tema.

          • Illuminatus

            E chi ha parlato di carne? Sei proprio un imbe****e.

          • Diretur

            Lo stesso vale per pesce e verdure, è il bruciato che fa male. Mi sa che l’imbe****e è un altro. Saluti. Continua a respirare gas protetto dal tuo abitacolo..

  • Roberto

    Nessuno vede i fumi che escono dalle acciaierie Arvedi? i fumi sono così pesanti che non salgono nemmeno in aria, per non parlare di quando hanno la colata e nessuno dice niente

  • Illuminatus

    Domanda: qualcuno si ricorda quale fosse l’amministrazione comunale che ha tolto i filibus? Avevamo una delle migliori reti d’Italia… niente bus diesel inquinanti… qualcuno si ricorda chi è stato?

  • Illuminatus

    Per chi non lo ricordasse, è stata la giunta di Bodini (PD o come si chiamava allora) a togliere i filobus elettrici dalla città sostituendoli con inquinanti autbus diesel.

    La stessa giunta peraltro che ha voluto l’inceneritore… wow, complimenti!! E ora che l’aria è diventata irrespirabile grazie anche a loro, siamo noi cittadini a dover andare a piedi o in bici?