Cronaca
Commenta11

La svendita totale di Lgh ad A2a: il danno è fatto

L’avevo ampiamente previsto.
L’operazione A2A-Lgh ha un seguito completamente negativo per il nostro territorio.
E naturalmente passa tutto sotto silenzio, sicuramente perché siamo in campagna elettorale e la sinistra cremonese sa benissimo che questa operazione fatta alla luce del sole, porterebbe conseguenze negative alla coalizione di Galimberti. Dal 1 maggio sarà operativa la fusione per incorporazione di Linea Più in A2A.

Ma partiamo con ordine: quando è stata svenduta Lgh, nel contratto di acquisto sottoscritto, A2A si riserva il diritto o di poter acquistare dopo 3 anni il rimanente 49% ad un prezzo stabilito e calcolato, o di restituire il 51% attualmente di sua proprietà allo stesso prezzo in cui l’ha acquistato tre anni prima indipendentemente dal reale valore.
E fino qui sono patti firmati e conosciuti ormai da tutti.

Ma cosa comporta la fusione di cui parlavo sopra?
Comporta che tutte le migliaia di clienti di Linea Più ( il fiore all’occhiello di Lgh perché segue elettricità e gas ) passeranno automaticamente ad A2A svuotando di consistenza il patrimonio di utenze di Linea Più.
Questo vuol dire che se A2A non eserciterà il diritto di acquisto del rimanente 49% di Lgh e obbligherà quindi da contratto la ricompra per Cremona, ci toccherà comprare una azienda prima nostra e ricca, completamente svuotata di clienti, quindi assolutamente senza valore.

Ed ecco che qui si materializza definitivamente il piano folle dell’Amministrazione Galimberti: svuotare completamente la nostra azienda fiore all’occhiello ( 5^ multiutility in Italia ) di un territorio che sarà definitivamente svilito!

Ma perché anche questa fusione folle? Ma quale è stato lo scopo di questa operazione? Che benefici porterà al territorio?
Immagino già la risposta: resteranno gli sportelli ed il territorio sarà comunque seguito e tutelato, così come l’occupazione.
Sicuramente i clienti, quindi tutti noi, verremo tranquillizzati ricevendo una comunicazione nella quale verrà spiegato tutto e nella quale verrà scritto che i contratti di fornitura di energia elettrica e gas naturale e i contratti relativi ai servizi di efficienza energetica proseguiranno invariati, così come al momento resteranno immutati i riferimenti ed i canali di contatto.

Non hanno alternativa, devono scrivere per forza così per evitare terremoti di proteste.
Peccato che i clienti non saranno più nostri ma definitivamente di A2A.
Ecco, mi sembrava corretto nei confronti dei cittadini cremonesi portare alla luce del sole questa operazione volutamente tenuta nascosta dall’Amministrazione Galimberti.
Ora mi diranno che non è così come scrivo, come hanno sempre detto tutte le altre volte quando svelavo in anticipo operazioni e relativi costi. Peccato che non siano stati mai in grado una sola volta di smentirmi.
Il danno totale è fatto!

Marcello Ventura – Fratelli d’Italia

© Riproduzione riservata
Commenti