10 Commenti

Galimberti: 'Aree commerciali
decise nel Pgt del centrodestra'.
Malvezzi: 'Voi incapaci di governarle'

Foto Sessa

Un confronto a tre fra i candidati sindaci delle forze politiche che hanno ottenuto le maggiori preferenze alle Politiche dello scorso anno. Carlo Malvezzi per Forza Italia – Lega – FdI e civici di centrodestra, Gianluca Galimberti per il Pd e il centrosinistra e Luca Nolli per M5S. Il dibattito andato in scena alla trasmissione di Cremona 1 La Piazza ha rivelato nuovi aspetti dei programmi e si è surriscaldato quando i candidati sono stati posti di fronte al tema del consumo di suolo e alla richiesta del gruppo Maschio Fienagione di trasformare l’area occupata in fregio alla tangenziale da produttiva a commerciale.

“Avete realizzato – ha detto Malvezzi rivolto a Galimberti – tutte le possibili medie superfici commerciali previste dal Pgt, ignorando invece per troppo tempo la richiesta di incontro con il gruppo Maschio. Un Pgt per definizione è un atto programmatorio,  è il sindaco che deve governare i processi, cosa che non è avvenuta”. “Quel Pgt l’avete fatto voi”, ha ribattuto Galimberti. “Siamo partiti dagli strumenti che abbiamo trovato al nostro insediamento e con le varianti puntuali abbiamo fatto scelte importanti, che hanno portato a un risparmio nel consumo di suolo di 70mila mq e alla riduzione della superficie massima delle medie strutture da 2500 a 1500 mq”. “Con Maschio Gaspardo vi siete comportati diversamente rispetto ad altre situazioni, avete tralasciato per troppo tempo la questione e avete ignorato la richiesta di modifica del Pgt”, ha insistito Malvezzi. “Su quell’area si poteva aprire un ragionamento più ampio, anche nell’ottica di regolare il traffico in quella zona, che è diventato davvero caotico”. Malvezzi lancia l’idea di chiedere all’Ipercoop di farsi carico dell’apertura del sottopasso sotto il rondò della Paullese, la cui struttura esiste fin dai tempi dell’insediamento commerciale, in virtù dell’alto numero di passaggi veicolari di quella zona, superiori a quelli registrati nel resto della città. “Malvezzi ci ha appena detto che sull’area Maschio aprirebbe una grande distribuzione”, ha detto Galimberti, interpretando il pensiero dell’avversario. “Noi abbiamo aperto a questa possibilità a fronte di precise garanzie occupazionali sui 150 dipendenti, poi ridottisi a 100, garanzie che inizialmente non c’erano”, ha aggiunto. Una provocazione che non è piaciuta al candidato del centrodestra: “Parla di cultura, non di urbanistica”, la risposta di Malvezzi. Galimberti ha poi ricordato che fu proprio l’amministrazione di cui Malvezzi era vicesindaco ad aumentare le superfici commerciali attorno alla galleria del Cremona Po, quelle che stanno prendendo forma in questi mesi.

Per i 5 Stelle il consumo di suolo è tutt’ora evidente: dalle edificazioni partite all’inizio di via Flaminia, in un ambito di trasformazione di terreni prima ad uso agricolo ed ora residenziale – servizi, alla gronda nord.

Altri temi trattati sono stati quelli dello sviluppo economico, che per tutti i candidati passa anche attraverso il turismo: i numeri parlano di un aumento delle presenze “ma senza che l’indotto ne abbia risentito positivamente”, afferma Nolli, e “serve una migliore caratterizzazione della città” ribadisce Malvezzi. Il problema occupazionale, partendo dai dati recentemente diffusi dal Masterplan dell’Associazione Industriali va risolto secondo Malvezzi ampliando le prospettive di impiego giovanile anche attraverso una rivalutazione dei mestieri tradizionali, una ‘scuola dei mestieri’ e propone l’istituzione di una fondazione partecipata da aziende già avviate, che agevoli l’avvio di start up in grado poi di sostenersi da sole. Nolli ha parlato della naturale vocazione al terziario avanzato di Cremona, città antesignana della fibra ottica, per attività che non implicano aumento di traffico sulle strade ma necessitano di ‘poche strutture e buoni cervelli”, citando esplicitamente le aziende del Polo tecnologico. Mentre Galimberti, pur riconoscendo che molto resta da fare, ha annunciato che proprio per il lavoro svolto sul fronte dell’orientamento scolastico e lavorativo e sull’alternanza scuola lavoro, mercoledì prossimo il Comune  di Cremona riceverà un premio a Roma. Senza dimenticare l’impulso, tra nuovi corsi di laurea e campus, dato alle tre università presenti. Si è parlato anche di Po, navigazione fluviale, quartieri periferici, strade e autostrade. Sulla necessità della Cremona Mantova autostradale concordano sia Galimberti che Malvezzi, mentre Nolli la respinge decisamente: “400 milioni regionali su quell’infrastruttura significherebbero zero risorse per tutte le altre opere viabilistiche, soprattutto manutenzioni, di cui la provincia ha bisogno. Con il rischio poi che nessuno la usi, perchè troppo caro il pedaggio”. Mentre sul raddoppio ferroviario della Cremona – Mantova, toni entusiastici da parte di Nolli e molto meno degli altri due: “Stiamo aspettando di vedere i progetti perlomeno del tratto già finanziato Piadena Mantova e speriamo di vedere anche quello tra Cremona e Codogno, mentre ci preoccupa molto lo slittamento di un anno dei 340milioni stanziati dal governo Gentiloni”, ha detto Galimberti. Sul tema, Malvezzi ha poi aggiunto la necessità di un ampliamento della Paullese tra Cremona e Crema, dando al capoluogo la centralità che ha perso. g.b.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Mirko

    Risparmio di 70mila mq……wow un risparmione.
    Ho visto il dibattito ieri,malvezzi scatenato, nolli pacato ma pungente, galimberti…galimberti….niente è galimberti

    • Ottavo Nano

      Galimberti è solo un quacquaraqua

  • Camillo Frangipane

    Nessuno che parli di mettere finalmente i vigili sul territorio, come era un tempo, nei quartieri, presidiando i maggiori incroci e punti critici per il traffico. Ricordo qualche settimana fa alla barriera Po, ore 14, festa dei Sikh : ZERO VIGILI PRESENTI a disciplinare la circolazione nel caos totale.

  • Elio

    Per quanto riguarda ai ciclisti e pedoni indisciplinati del tutto impuniti? Cebtri sociali praticamente occupati? Pluripregiudicati e delinquenti liberi sul nostro territorio? Controlli contro lo spaccio e l uso di droghe inesistenti alla caritas e nei centri sociali? Ricerca di accordi con gli imprenditori per far si che ci siano piu contratti umani per i lavoratori? Cercare di contrastare l abuso degli appalti? Visto che è possibile farlo,nessuno che voglia cambiare i criteri per l assegnazione degli alloggi popolari? Per la pulizia degli argini,rive del fiume ed altri posti lasciati all abbandono sono tutti daccordo ad aspettare che vengano i volontari a ripulire? Il ripristino dei filobus non è preso in considerazione? Ma chiede all ipercoop e a maschio piu che farsi carico di infrastrutture che si facciano carico dei lavoratori facendo contratti a tempo determinato no?

  • Mario Rossi SV

    Nolli…Mai visto un candidato che ha meno padronanza del lessico…”Igga”…hahaha!

    • Mirko

      Fino ad ora grandi chiacchieroni che hanno imbambolato le masse per poi metterglielo nel didietro…..preferisco uno meno brillante nella dialettica ma propenso al fare e al non incu…re le persone e i suoi elettori

  • Roberto

    La Piazza di Malvezzi, parlava solo lui e non faceva parlare nessun altro

    • Ottavo Nano

      Proprio come fanno i comunisti

  • Giamburrasca19

    Riassumendo: Malvezzi in poco tempo
    raddoppia la Paullese, potenzia il parco treni,risolve i problemi del traffico ferroviario, da’ il via all’autostrada per Mantova, porta ai giardini pubblici i plateatici dei bar e fa’ aprire dei chioschi,crea un’area giochi ampliata e coperta per l’inverno(ma il posto per camminare c’è?), lo trasforma in un centro commerciale all’aperto, toglie la ZTL e magari l’isola pedonale , fa’ circolare le auto ovunque, mette i parcheggi gratuiti in centro, abbassa ulteriormente l’IMU solo ai negozianti, da’ un contributo per gli affitti dei negozi in centro,progetta un parcheggio multipiano in via Goito, manda i celerini al “ghetto” Cambonino,concede l’apertura di bar e luoghi di ristoro lungo la passeggiata a Po, elimina la ciclabile di viale Trento e Trieste e rimette la striscia gialla, aumenta magicamente le forze dell’ordine ,trova nuovi parcheggi vicino al centro storico, finanzia e progetta un palazzetto multiuso, concede il pasto nelle mense ai bambini solo se i genitori sono in regola con i documenti ,cambia tutto l’arredo urbano del centro, potenziata il servizio di pulizia strade, concede il plateatico anche sulle aiuole, trasforma il polo tecnologico, fa’ arrivare il canale navigabile a Milano, rende il Po navigabile anche quando è in secca , fa’ arrivare a Cremona migliaia di turisti in piu’ e per dare loro alloggio trova privati disposti ad aprire alberghi, nomina assessori rigorosamente solo Partita Iva gli unici a capire cosa voglia dire guadagnarsi il pane, elimina la burocrazia,concede la musica solo al Ponchielli,mette i robot ad accudire gli anziani, costruisce la strada sud e poi finanzia i divertimenti delle famiglie con dei voucher ecc.ecc.ecc…..a crede che le beviamo tutte?

  • Eugenio Bignardi

    Malvezzi ha trovato la bacchetta magica per fare in un attimo tutto quello che non gli era riuscito quando era vicesindaco! Strade, recupero edilizio, espansione del commercio, crescita esponenziale del turismo, eccetera eccetera…… e le risorse?
    Non sarà l’ennesima “sparata” elettorale? Non ne sono certissimo, ma temo proprio di sì.