4 Commenti

Centro Civico di Bagnara, finiti
i lavori. Galimberti: ‘Insieme
al privato, spazi più belli’

Nei giorni scorsi si sono conclusi i lavori principali previsti al centro civico di Bagnara dove il Sindaco Gianluca Galimberti si è recato per un sopralluogo. La sede, dove ogni giorno si ritrovano gli anziani del quartiere e non solo, come sottolinea lo stesso sindaco, “aveva bisogno di interventi che in parte sono stati realizzati nei primi anni del mandato e in parte sono stati completati in questo mese, grazie alla generosità della Fondazione Arvedi, in sinergia con il Comune”.

E’ stato rifatto il porticato esterno, la pavimentazione esterna, ideale per feste danzanti, e l’area di ingresso. Gli interventi sul centro civico di Bagnara fanno parte di quelli in corso e in programma in aree verdi e centri civici della città, condotti dalla Fondazione Arvedi per i 20 anni di attività. Sono inoltre in corso o in programma lavori anche al Boschetto, Zaist, S. Bernardo, Cascinetto, Cambonino, Po e Cavatigozzi.

“Insieme al privato rendiamo più belli e attrattivi gli spazi di incontro e di aggregazione della nostra città, il modo migliore per rinforzare la comunità e consolidare i legami tra le persone. E vogliamo continuare a lavorare in questa direzione”, è la dichiarazione del Sindaco Gianluca Galimberti.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Elio

    Bel risultato ma vorrei capire: l essere di sinistra,sia comunista che socialista,non prevede una forte presenza dello stato direttamente o no,a discapito del potere e dell intervento in questioni sociali dei privati in quanto( e questa è una mia riflessione)essendo i capitalisti persine che sfruttano la vita ed il tempo dei lavoratori derubandoli del plusvalore,non hanno la moralità necessaria per ritenere che i loro siano aiuti disinteressati e,piu forte è il capitalista ovviamente piu sfrutta,più è amorale e quindi piu lo si deve tenere distante dalle attività sociali? Quindi facendisi aiutare da un grande capitalista il sindaco piu che da persona di sinistra e quindi devoto allo stato sociale si è comportato da amico del capitalista che sfrutta i lavoratori partendo da posizioni di supremazia rispetto ai lavoratori che non possono contrattare su nulla ma assecondare le scelte salariali e contrattuali da lui imposte giusto?

    • Gino Testi

      Bisognerebbe chiedere al capitalista cremonese cosa ci guadagna in cambio. Essere dei benefattori disinteressati è senz’altro encomiabile, oltre che raro, ma sarebbe giusto capire su quali basi è in equilibrio da anni il rapporto col sindaco…

      • Elio

        E al sindaco perché si definisce di sinistra

      • Elio

        È pensare male ma ogni tanto a pensare male ci si azzecca