6 Commenti

Ha chiuso i battenti
la Copi-osteria
di via del Sale

Con un saluto tutto cremonese alla clientela, ha chiuso i battenti la Copi-osteria di via del Sale a Cremona. Attività che per oltre un decennio ha promosso numerosi eventi sul territorio, accogliendo anche ragazzi con disabilità.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Roberto

    I signori del pianeta, loro che quando sono in difficoltà subentra la politica, loro che se vogliono ci distruggono, loro che ci hanno in mano, lodevole è la forza d’animo di questo imprenditore che non si piega davanti a str….. legalizzati!

  • Elio

    Comunque anche se è tutto legale non averlo agevolato sulle rate è una cosa vomitevole. Questo imprenditore non avrebbe piu diritto dei centri sociali ai trattamenti di favore che il sindaco riserva loro? Lui pagherebbe anche qualcosa e mi sembra piu raccomandabile dei figli di papà dei centri sociali. Se il sindaco li sgombrasse e facesse dubentrare quest imprenditore nessuno( a parte i figli di papà dei centri sociali) lo criticherebbe

    • Italiana

      Ma una persona adulta non ha altro a cui pensare che non a quattro ventenni?

      • Elio

        Se non avessero disfatto il viale trento e trieste con vetrine ed auto proprio dove abito io,se nel loro sito ufficiale non si proclamassero contro le forze dell ordine,la libertà di stampa e contro la repubblica italiana e se non togliessero illegalmente immobili al comune che potrebbe utilizzare per gente bisognosa può darsi. Il fatto orincipale comunque che accomuna tutto è la forte illegalità non sempre innocua protetta intoccata dal comune.

      • Elio

        Poi non sono menefreghista,sono stabili occupati del comune quindi anche miei e sarebbe giusto il comune li usasse per iniziative utili per la collettività e poi perché tollerare un occupazione? Lo sa che se lei oggi esce di casa e si trovasse in casa una famiglia,con minori per di piu,le ci vorrebbero mesi se non anni per farli sloggiare? E se la cosa le succedesse d avvero spero si comporti da adulta e pensi a cose piu importanti

      • gatz

        se quattro ventenni privano la pluralità di spazi utilizzabili diversamente, è giusto e prioritario che ci si pensi, chi sia adulto, adolescente, anziano o di qualunque età.