8 Commenti

Comitati quartiere, i presidenti
del centrodestra: 'Mancato vero
coinvolgimento dei residenti'

Via Giordano, uno dei nodi del contendere tra presidente del quartiere Arata e amministrazione comunale uscente

I tre presidenti dei comitati di quartiere Rosa Maria Grazia Tozzi, Maria Cristina Arata e Paolo Marcenaro (rispettivamente Giuseppina – Cascinetto, via Giordano-Cadore, Centro) scendono in campo con il centrodestra nella lista di Forza Italia: “ I Cittadini sono delusi dalla giunta Galimberti – affermano – serve un vero coinvolgimenti dei residenti.
I comitati di quartiere devono acquistare un ruolo più attivo e definito nella vita della città. La giunta uscente li ha valorizzati a parole ma non nei fatti. Spesso ne ha ignorato le istanze, reagendo con risposte proforma o addirittura con silenzi a dir poco imbarazzanti a richieste, segnalazioni e proposte. Come cittadini, in questi anni ci siamo resi disponibili ad un lavoro costruttivo all’interno dei comitati di quartiere, aspettandoci un coinvolgimento vero nella funzione di raccordo tra i residenti e l’amministrazione comunale prevista dal regolamento. Ci siamo impegnati quotidianamente, dedicando tempo ed energie alla nostra città, raccogliendo con passione le istanze delle persone che abitano i quartieri. Purtroppo, però, dobbiamo constatare che queste istanze sono state in gran parte ignorate. Si tratta di una grave contraddizione tra la volontà dichiarata dal centrosinistra di favorire la vita democratica della città e quello che nei fatti è avvenuto».

“Siamo profondamente delusi per come sono andate le cose – spiegano Tozzi, Arata e Marcenaro – e per l’approccio fallimentare della giunta uscente, riconoscendoci nei contenuti e negli obiettivi della proposta del centrodestra, forti dell’esperienza maturata negli anni all’interno dei comitati, abbiamo deciso di continuare il nostro impegno pubblico candidandoci al Consiglio comunale. Lavoreremo per valorizzare i comitati di quartiere, garantendone un coinvolgimento reale, un ruolo più definito e salvaguardandone le potenzialità di incidere concretamente nella vita di Cremona e nei progetti elaborati dall’amministrazione comunale”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Illuminatus

    “Ve vill make it ziss vay, und you vill LIKE it ziss vay.” Detto con accento DDR. Traduco se necessario.

  • brontolo

    Quando un comitato chiede qualcosa all amministrazione non vuol dire che quest ultima deve eseguire a prescindere l ordine o la richiesta.vi sarà una valutazione di fattibilità o meno da parte del comune.forse a volte ci sono un po troppe pretese,sicuramente giuste,ma non per questo sempre attuabili

    • Orto

      Forse il problema viene prima dell’esecuzione e della valutazione. Coinvolgimento? Ascolto?

  • Italiana

    Lo statuto prevede che i comitati di quartiere siano a-partitici…

    • Shpalman97

      Avrebbero potuto avere il buon gusto di schierarsi con una lista civica (e già mi sarebbe parso poco opportuno).
      No, direttamente con un partito.
      Che sfacciataggine.

  • Shpalman97

    Dichiarazioni proprio imparziali e disinteressate, 5 giorni prima del voto, da parte dei candidati dell’unica coalizione che potrebbe battere Galimberti.
    Avranno ascoltato proprio tutti i cittadini dei loro quartieri?
    Anche quelli che avevano istanze che non condividevano?
    Avranno deciso di candidarsi dopo questa esperienza o il lavoro nei comitati era un previsto rodaggio per arrivare con un po’ di notorietà alle elezioni?

  • Ghidebor

    E con questa candidatura abbiamo capito l’attivismo per la strada sud della Arata.
    Com’è che diceva Andreotti?
    “A pensar male…”

  • Andrea

    Scelta di cattivo gusto per dei presidenti di comitato di quartiere.