Commenta

Telli (FNC): le ragioni
per cui non
mi ricandido

Lettera scritta da Stefania Telli - consigliere uscente Fare Nuova la Città

Caro Direttore, 

vedere un Consigliere uscente che non si ricandida può far pensare a un disaccordo o a una delusione… così non è, anzi! Se ho un rammarico, è di non aver avuto il tempo di fare di più in questi cinque anni da Consigliere Comunale, mettersi al servizio del comune è un impegno che richiede molte energie da sottrarre alla propria famiglia, lavoro ed allo studio. Sacrifici che ho fatto senza rimpianti mettendomi al servizio della mia comunità. Ciò che davvero non si può imputare a questa amministrazione è il fatto di aver portato a casa dei risultati mettendoci tutto il proprio impegno.
Partendo da Fare nuova la città, abbiamo da subito creduto in Gianluca e l’abbiamo sostenuto come candidato ideale prima e come sindaco attivo ed efficace per tutto il mandato amministrativo.
Poi il nostro Gruppo consigliare, al lavoro con il sindaco, la giunta e i colleghi della maggioranza per riportare e mantenere il sistema Cremona sulla strada della corretta e virtuosa amministrazione, cercando di ridarle quella visibilità e riconoscibilità che merita a livello territoriale, nazionale ed internazionale.
Chi, più di tutti, ha speso il suo impegno senza risparmiare nemmeno una goccia della sua energia è Gianluca Galimberti, persona che io conosco bene e che stimo profondamente: è un uomo perbene, con grandi idee e valori solidi, e, perché no, con una morale, a differenza di molti altri attori della scena politica di oggi.
È un gran lavoratore e dedica sé stesso al suo lavoro.. ricordo un aneddoto: a inizio mandato, l’usciere del palazzo comunale rimase colpito da quanto presto arrivasse il sindaco al lavoro e da quanto tardi uscisse da quel palazzo, e sottolineò che non era certo la regola in passato. Perché Gianluca è così, è una persona onesta e leale, che lavora senza risparmiarsi con il bene comune come unico fine. A quelli che insinuano una sorta di “attaccamento alla poltrona” mi sento di dire che non è questo il caso e li sfido a mostrarmi in cosa sia migliorata la qualità della vita di Gianluca Galimberti in questi anni: senza sabati, senza domeniche, senza orari.
Il bilancio di questi 5 anni è positivo, non voglio fare quella di parte che santifica ogni decisione presa, mi hanno insegnato che chi non fa, non sbaglia. Ma in questi 5 anni di cose se ne sono fatte tante, dietro ogni scelta ci sono stati studio approfondito, confronto e sincera convinzione, nell’intento di fare il meglio per la città e per l’interesse comune dei cremonesi.
Tanto è stato fatto, e tanto c’è ancora da fare, per questo motivo sono certa che il mio Sindaco meriti di continuare il grande lavoro intrapreso, con l’aiuto diretto di Fare nuova la città e delle persone che si riconoscono nella coalizione che lo sostiene, ma anche con il supporto di tanti che, pur non scegliendo di impegnarsi direttamente per l’attività amministrativa rimangono come me, cittadini ed elettori, perché il bene di tutti interessa ognuno di noi e chi ha dimostrato chiaramente che davvero il bene comune è l’ unico fine del proprio lavoro e delle proprie scelte merita il sostegno dei cittadini ed elettori.

Ringraziando anticipatamente e porgo cordiali saluti

© Riproduzione riservata
Commenti