Politica
Commenta8

Malvezzi scalda i suoi candidati per il ballottaggio; la Lega: nostra la linea politica

Vertice dei candidati al consiglio comunale del centrodestra, mercoledì sera in sala Zanoni, per fare il punto con il candidato sindaco Carlo Malvezzi e il recordman di preferenze Alessandro Zagni sui prossimi passi della campagna elettorale. Nei prossimi giorni verranno toccati tutti i tutti i quartieri mettendo al centro i cremonesi, richieste e  proposte. “Saranno giorni pieni di ottimismo e di speranza – afferma Malvezzi – perché ci crediamo, siamo ad un passo dal traguardo e vogliamo mettere in campo tutte le energie di cui disponiamo per raggiungerlo. Ne va del futuro della nostra città. Una Cremona che amo, alla quale per questo intendo dare il massimo con l’obiettivo di attuare il cambiamento. E’ una domanda che sale da tutte le zone della città, residenti e imprenditori: le persone che incontro desiderano una svolta. E noi siamo determinati ad imprimere un reale cambio di marcia dando nuovo impulso ai diversi ambiti della vita della città, partendo dalle proposte concrete che abbiamo lanciato nell’ultimo mese di campagna elettorale e integrandole sulla base delle richieste e delle priorità indicate dai cittadini”.

“Vogliamo meno tasse e servizi migliori, più lavoro e più sicurezza – conclude il candidato sindaco Malvezzi – intendiamo puntare sui giovani e le famiglie, lavorare per strade migliori e infrastrutture efficienti, una viabilità fluida e ordinata, un centro storico vivo, periferie rilanciate e presidiate, un nuovo grande piano della sosta, che deve costare meno e deve vedere aumentati i parcheggi, a partire da quelli gratuiti. Insomma, sul tavolo ci sono le moltissime #IdeeperCremona che abbiamo già presentato pubblicamente, quelle che abbiamo in serbo e quelle che continueremo a spiegare, desiderosi di aggiungerne, arricchendo il nostro programma con spunti e nuove proposte”.

1753 i voti da recuperare per la coalizione guidata da Carlo Malvezzi, equivalente al distacco rispetto a Galimberti. Non basteranno quindi i voti di Ferruccio Giovetti (1200 circa) a pareggiare i conti, anche nel caso di un apparentamento che al momento sembra molto improbabile. “Siamo una lista nata dalla sera alla mattina – afferma l’ex capogruppo di FI in Comune  –  fatta da gente di buona volontà con cui pensavamo di poter costruire qualcosa di diverso per la città. Molti dei candidati mi hanno già manifestato l’idea di continuare e domani sera ci troveremo per decidere in maniera definitiva sull’apparentamento. Ma le cose non sono cambiate rispetto a quello che dicevo prima del 26 maggio”.

Intanto il segretario della Lega Pietro Burgazzi dalla pagina Facebook del partito incita i suoi: “Siamo al ballottaggio quindi chiedo ai leghisti ed alla gente di centrodestra di darci una mano per vincere contro il Pd. Ora lasciamo perdere la varie simpatie o antipatie, qua si tratta di non concedere ancora Cremona al Pd. Ricordiamoci che, a prescindere dal sindaco, la linea politica sarà della Lega”.

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti