8 Commenti

Malvezzi scalda i suoi candidati
per il ballottaggio; la Lega:
nostra la linea politica

Vertice dei candidati al consiglio comunale del centrodestra, mercoledì sera in sala Zanoni, per fare il punto con il candidato sindaco Carlo Malvezzi e il recordman di preferenze Alessandro Zagni sui prossimi passi della campagna elettorale. Nei prossimi giorni verranno toccati tutti i tutti i quartieri mettendo al centro i cremonesi, richieste e  proposte. “Saranno giorni pieni di ottimismo e di speranza – afferma Malvezzi – perché ci crediamo, siamo ad un passo dal traguardo e vogliamo mettere in campo tutte le energie di cui disponiamo per raggiungerlo. Ne va del futuro della nostra città. Una Cremona che amo, alla quale per questo intendo dare il massimo con l’obiettivo di attuare il cambiamento. E’ una domanda che sale da tutte le zone della città, residenti e imprenditori: le persone che incontro desiderano una svolta. E noi siamo determinati ad imprimere un reale cambio di marcia dando nuovo impulso ai diversi ambiti della vita della città, partendo dalle proposte concrete che abbiamo lanciato nell’ultimo mese di campagna elettorale e integrandole sulla base delle richieste e delle priorità indicate dai cittadini”.

“Vogliamo meno tasse e servizi migliori, più lavoro e più sicurezza – conclude il candidato sindaco Malvezzi – intendiamo puntare sui giovani e le famiglie, lavorare per strade migliori e infrastrutture efficienti, una viabilità fluida e ordinata, un centro storico vivo, periferie rilanciate e presidiate, un nuovo grande piano della sosta, che deve costare meno e deve vedere aumentati i parcheggi, a partire da quelli gratuiti. Insomma, sul tavolo ci sono le moltissime #IdeeperCremona che abbiamo già presentato pubblicamente, quelle che abbiamo in serbo e quelle che continueremo a spiegare, desiderosi di aggiungerne, arricchendo il nostro programma con spunti e nuove proposte”.

1753 i voti da recuperare per la coalizione guidata da Carlo Malvezzi, equivalente al distacco rispetto a Galimberti. Non basteranno quindi i voti di Ferruccio Giovetti (1200 circa) a pareggiare i conti, anche nel caso di un apparentamento che al momento sembra molto improbabile. “Siamo una lista nata dalla sera alla mattina – afferma l’ex capogruppo di FI in Comune  –  fatta da gente di buona volontà con cui pensavamo di poter costruire qualcosa di diverso per la città. Molti dei candidati mi hanno già manifestato l’idea di continuare e domani sera ci troveremo per decidere in maniera definitiva sull’apparentamento. Ma le cose non sono cambiate rispetto a quello che dicevo prima del 26 maggio”.

Intanto il segretario della Lega Pietro Burgazzi dalla pagina Facebook del partito incita i suoi: “Siamo al ballottaggio quindi chiedo ai leghisti ed alla gente di centrodestra di darci una mano per vincere contro il Pd. Ora lasciamo perdere la varie simpatie o antipatie, qua si tratta di non concedere ancora Cremona al Pd. Ricordiamoci che, a prescindere dal sindaco, la linea politica sarà della Lega”.

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Elio

    Salvini dichiara di voler chiudere,e non spostare come dichiara malvezzi i centri sociali e poidando piu punti per una maggior residenza nel comune per le case popolari. Malvezzi a riguardo segue le indicazioni di salvini,quindi della lega?

    • Giamburrasca19

      Certamente, non conta nulla e si è impiccato con le proprie mani firmando e accettando il contratto pre-elettorale della Lega con tutte le proposte.
      Le uniche idee di Malvezzi sono: città più pulita,ordinata e bella…punto.

  • Giamburrasca19

    Quando il segretario della Lega afferma ” ricordiamoci che, a prescindere dal sindaco, la linea politica sarà della Lega”. vuole dire che Malvezzi e Forza Italia contano come il due di coppe ( considerato il misero risultato in percentuali di voti) e che il vero possibile sindaco in caso di vittoria sara’ Zagni .
    Nonostante Malvezzi continui a fare proclami su interventi in città a tutto campo che porteranno a minori entrate( parcheggi gratuiti e agevolati, una diminuzione sensibile delle tasse ,interventi da milioni di euro come il rifacimento totale di via Dante, voucher alle famiglie per il divertimento , taglio del l’IMU e un contributo per gli affitti ai soli negozianti del centro, strada Sud ecc.ecc. non ha mai spiegato come vorrebbe reperire le risorse economiche che verranno a mancare.

  • il Peone

    Non so come, di fronte a questa farsa si possa parlare di politica. Nel particolare caso delle amministrative, ci sono delle persone che si mettono in gioco e che come persone si mettono a disposizione della città, ma non è questo il caso. Siamo di fronte a macchinamento di fronte al quale le persone non sanno più chi stanno votando, ma soprattutto COSA stanno votando. Non c’è chiarezza, trasparenza è solo tutto un grande imbroglio. Non è una coalizione, un sotterfugio, un trabocchetto.

    • Giamburrasca19

      Ha perfettamente ragione.

  • Roby

    ….per scaldare i 4mila voti di fuoco amico che non l hanno deliberatamente votato gli serve il legno di tutta la foresta….nera, ovviamente!

  • Franz

    Il centro destra ha condotto la fase pre-elettorale con insipienza politica, prepotenza, disprezzo dei propri iscritti….
    I signori rinchiusi nelle segreterie hanno deciso di candidare un non eletto alle regionali affiancato da un mancato sindaco dimessosi anche dal consiglio comunale… esempio di dedizione alla vita politica della città!
    Una coppia che in campagna elettorale ha dedicato più tempo a denigrare gli avversari piuttosto che proporre contenuti utili e concreti per la città. Con queste
    premesse pensare di affidargli la guida della città sarebbe un suicidio… Per non votarli non serve essere del PD..basta il buon senso.

    • Giamburrasca19

      Approvo e mi complimento per l’intervento.