Un commento

Ritardi fino a 80 minuti e treni
privi di aria condizionata: i
viaggi da incubo dei pendolari

Ennesima giornata da incubo per i pendolari cremonesi. Il guasto a un passaggio a livello in zona Mantova, infatti, ha provocato ritardi fino a 80 minuti per i convogli in partenza da Milano alle 16.20 e da Mantova alle 16.41. Ma il peggio si è visto un’oretta dopo, quando il principale convoglio dei pendolari, quello delle 18.20 si è guastato e non è stato fatto partire: 60 minuti il ritardo annunciato, ma le versioni sono discordanti e pochissime le informazioni fornite ai pendolari. Fermo anche il Milano Porta Garibaldi-Cremona delle 17.36, a causa di un guasto alla linea elettrica, mentre il Mn-Mi delle 18.41 è stato soppresso. Infine il Cremona-Treviglio delle 18.41 ha accumulato quasi mezz’ora di ritardo. Grande la rabbia dei pendolari e molte le proteste sui social network, sulle pagine Facebook dedicate.

Ma non sono solo i continui ritardi e le soppressioni di convogli il problema: a peggiorare la situazione dei pendolari cremonesi contribuisce anche il caldo. Proprio in questo periodo, infatti, i principali treni di collegamento vengono effettuati con convogli vecchi e privi di aria condizionata. Una situazione che dura da qualche giorno e che sta mettendo in grande difficoltà i pendolari, soprattutto in questi giorni in cui le temperature arrivano a sfiorare i 35 gradi.

lb

© Riproduzione riservata
Commenti
  • pendolarestanco

    Notizie dal fronte sulla tratta mi-cr-mn re2661 soppresso, re2663 previsto in partenza con almeno 80minuti (treno corrispondente previsto in arrivo non prima delle h20 in centrale); re2665 missing in action, dovrebbe partire alle h20:25 ma arrivando dal deposito ha ottime probabilità di non partire (causa guasto linea elettrica). Risultato: calca notevole di pendolari cremonesi su 20429 con fermata a codogno e poi auto fino a cremona. Cappero!!!!