Cronaca
Commenta15

Altra baby gang in azione a Bagnara. Inseguiti dai derubati e dai carabinieri. Due presi

Serata da dimenticare, quella trascorsa ieri da una famiglia cremonese che ha avuto a che fare con un gruppo di minorenni stranieri autori di un furto di una bicicletta. Serata che si è conclusa con un inseguimento, con il fermo di due dei teppisti da parte dei carabinieri e con la fuga degli altri. E’ successo tutto in zona Bagnara attorno alle 22, quando uno dei componenti della famiglia si è accorto della presenza dei ragazzini in strada con la bici rubata. A quel punto l’uomo si è precipitato fuori, è salito il sella al suo scooter ed è partito all’inseguimento del gruppo che nel frattempo si era dato alla fuga. Li ha intercettati poco dopo appena prima del sottopassaggio che porta al Battaglione. A quel punto il gruppetto, sentendosi braccato, ha prima abbandonato la bici rubata e poi si è sparpagliato. Uno di loro, tra l’altro, era in sella ad una bici da donna, probabilmente anche quella oggetto di furto. Alcuni di loro sono riusciti a far perdere le proprie tracce sparendo in un campo di mais, mentre due sono stati fermati dai carabinieri che erano stati preventivamente allertati. A mettersi alla ricerca dei ladri ha partecipato anche il padre del ragazzo proprietario della bici, che, presa l’auto, aveva passato al setaccio tutto l’isolato. “La bicicletta di mio figlio”, ha spiegato la residente, “era posteggiata nel cortile comune davanti a casa che è affacciato sulla strada. Purtroppo non si è più liberi di lasciare nemmeno un giocattolo, un semplice pallone davanti a casa. Di questo passo saremo schiavi in casa nostra”. Segnalazioni di giovanissimi teppisti sono arrivate anche da chi abita a ridosso di via dei Ciliegi, nel tratto stradale compreso tra via del Giordano e la pista ciclabile del Cavo Cerca. Di sera gruppi di ragazzini scendono in strada, al buio, urlano e aggrediscono verbalmente chi li riprende. Fanno paura.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti