Ultim'ora
Commenta

Emergenza abitativa,
dalla Regione 510mila euro
per aiutare chi è in difficoltà

Dalla regione 510mila euro alla Provincia di Cremona per aiutare i cittadini che si trovino in momentanea condizione di disagio economico a pagare il canone d’affitto delle abitazioni in cui vivono, in locazione a libero mercato e nei servizi abitativi sociali. Lo stanziamento, che per tutta la Lombardia ammonta a oltre 6,4 milioni di euro, è stato approvato nei giorni scordi dalla Giunta regionale. L’intervento rientra tra quelli previsti dai piani e dai programmi di contrasto all’emergenza abitativa.

I beneficiari sono: Annicco, Azzanello, Bagnolo Cremasco, Bonemerse, Bordolano, Cappella de’ Picenardi, Casalbuttano ed Uniti, Casaletto Ceredano, Casaletto di Sopra, Casalmaggiore, Castelleone, Castelverde, Cingia de’ Botti, Corte de’ Cortesi con Cignone, Corte de’ Frati, Crema, Cremona, Gadesco-Pieve Delmona, Gerre de’ Caprioli, Grontardo, Grumello Cremonese ed Uniti, Izano, Malagnino, Motta Baluffi, Offanengo, Olmeneta, Paderno Ponchielli, Pandino, Persico Dosimo, Pessina Cremonese, Pianengo, Pieve San Giacomo, Pizzighettone, Pozzaglio ed Uniti, Rivarolo del Re ed Uniti, Rivolta d’Adda Robecco d’Oglio, Romanengo San Martino del Lago, Scandolara Ripa d’ Oglio, Sesto ed Uniti, Soncino, Soresina, Spinadesco, Spineda, Spino d’Adda, Stagno Lombardo, Tornata, Trescore Cremasco, Trigolo, Vaiano Cremasco, Vailate, Volongo.

Le risorse saranno erogate ai 95 Piani di Zona sociali, aggregazioni di Comuni che gestiscono congiuntamente le Politiche sociali, e dovranno essere utilizzate entro il 2020. Quasi raddoppiati i fondi rispetto al 2018, anno che ha registrato interventi per 3,9 milioni di euro.

“Dall’avvio delle attività, nel 2017, abbiamo già aiutato oltre 5.500 famiglie” ha detto l’assessore regionale alle Politiche sociali, abitative e Disabilità Stefano Bolognini. “I risultati sono stati molto positivi, per questo abbiamo deciso di incrementare le risorse da assegnare per il 2019, passando da 3,96 milioni di euro a oltre 6,4 milioni di euro”.

“Tra le misure previste dal provvedimento è importante sottolineare quella che riguarda l’emergenza abitativa, che intende aiutare i Comuni a intervenire in caso di sfratto anche con l’aiuto di associazioni o cooperative del Terzo Settore” ha specificato l’assessore. Dal raffronto tra le domande pervenute negli scorsi anni e quelle più recenti, si nota un andamento stabile per la richiesta di sostegno per il pagamento del canone di affitto da parte di famiglie in morosità incolpevole. Richiesta legata a situazioni di precarietà lavorative o a episodi imprevisti.

isultano in aumento, invece, le domande dei cittadini di forme d’aiuto per la perdita della casa di proprietà, messa all’asta per mancato pagamento delle rate del mutuo e delle spese condominiali.

© Riproduzione riservata
Commenti