I commenti sono chiusi

Pauroso schianto
in via Mantova: muore
Simone Araldi

AGGIORNAMENTO – Ennesima vittima sulle strade, in una settimana di Ferragosto che si sta rivelando particolarmente drammatica: questo il bilancio del pauroso schianto verificatosi  nella tarda serata di venerdì lungo la via Mantova, poco prima dell’intersezione autostradale, in cui ha perso la vita Simone Araldi, cremonese di 34 anni. Erano circa le 22 quando l’uomo, percorrendo la via in direzione periferia a bordo di una moto Kawasaki 650cc, si è scontrato violentemente con una Renault Clio, condotta da S.S., 64 anni, che usciva da via dei Partigiani per svoltare a sinistra, diretta verso il centro città.

Un impatto violento, che ha sbalzato a terra il motociclista. Sul posto sono giunti gli operatori del 118, che hanno trasportato il conducente in ospedale in codice rosso. Il 35enne è stato ricoverato  presso il reparto di terapia intensiva, ma si è spento durante la notte. La polizia locale, intervenuta con due pattuglie, si è occupata dei rilievi del caso e di regolare la viabilità rallentata. Nei confronti dell’automobilista, che non ha rispettato la precedenza, è scattata la denuncia per omicidio stradale.

Simone Araldi, fisioterapista di professione, residente nel quartiere di Cristo Re, aveva perso la madre nell’aprile 2017. Lascia il padre e la sorella. Il funerale verrà celebrato martedì 20 agosto presso la chiesa di Cristo Re. Il corteo funebre partirà alle 9.45 dall’ospedale Maggiore alla volta della chiesa.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • grossoago figliodi

    E gli autovelox messi solo dove fan soldi (vedi ponte Verdi), non dove servono.
    Una domanda ai signori amministratori cremonesi (Comune e Provincia), che so già non risponderanno: quante multe per eccesso di velocità sono state fatte in un anno e quante patenti sono state ritirate per la stessa infrazione?

    • Daniele

      blockquote>Fammi capire, forse ho frainteso. Secondo te con l’autovelox il motociclista avrebbe avuto una velocità inferiore e l’automobilista poteva NON RISPETTARE il diritto di precedenza senza recare danno?

      • grossoago figliodi

        Mi dispiace che lei guardi il dito e non la luna. Secondo lei perchè si è persa l’abitudine di contestare le multe per eccesso di velocità e ritirare le patenti quando si superano i limiti di oltre 40 km/h?
        Lei teme di più il ritiro della patente o il pagare la sola multa?
        Valutando i danni riportati dalla moto e dall’auto, lei ritiene che, sul verificarsi dell’incidente, abbia influito più la velocità della moto o l’omessa precedenza della macchina?

        • Daniele

          Quindi, già sentenziato che essendo un motociclista, sicuramente sarà andato alla velocità della luce …..

          • Pepito Spazzeguti

            Direi che viste sia la moto che la macchina (che si era appena messa in moto..) così piano non andava……

          • Carolina Cost

            Conoscevo Simone non è una persona sconsiderata. Non parli se non sa la situazione o non conosce le dinamiche dell’incidente . GRAZIE

          • Luca20 Luca20

            .

          • Luca20 Luca20

            Mi chiamo Catelli Luca e sono un amico di Simone Araldi, nonche collega istruttore di arti marziali proprio di Simone per anni nella stessa palestra…voglio solo dire alle persone in questa pagina che stanno facendo considerazioni senza sapere i fatti e che stanno facendo politica da quattro soldi di avere almeno la DECENZA di parlare di queste cose dopo il funerale di Simone. GRAZIE.

          • MarcoDesmo

            Oppure tacere, che è meglio! Non conoscevo Simone ma un altro fratello motociclistica che, a causa della nostra passione e della distrazione altrui, riposa in cielo! R.I.P. Simone! ✌️😢

          • MarcoDesmo

            Complimenti Pepito. Sei appena stato assunto come perito tecnico di assicurazioni, tribunali e questura in caso di incidenti x stabilire chi ha ragione e chi andava troppo forte. Sai che danni si creano anche solo ai 50 km orari? E proprio perché l’auyo Era quasi ferma, l’urto e’ stato scaricato sulla moto! Guarda i crash test e non parlare di cose che non sai, rispettando le persone che x la loro passione rischiano la vita a causa di telefonini, distrazioni, fatalità ed a volte, questo è vero, anche perché esagerano con l’accelleratore!

  • Graziano Ansaldi

    Inutile disquisire sulla velocità della moto, chi non dà la precedenza è un potenziale assassino. Fine del discorso.