Commenta

Il 12 e il 13 ottobre
tornano le Giornate
FAI d'autunno

Palazzo Vidoni

Il weekend del 12 e 13 ottobre 2019 tornano le Giornate FAI d’Autunno, appuntamento fisso con l’arte nascosta, poco nota o dimenticata e insieme un’occasione per comunicare a tutti l’impegno del Fondo Ambiente Italiano nell’ambito della tutela e della valorizzazione del patrimonio culturale nazionale. Un’attività che, sin dal 1975, interessa prestigiose dimore storiche, importanti opere d’arte, giardini monumentali e aree naturali e che si esplica attraverso il restauro, la manutenzione e l’apertura al pubblico di tali luoghi. Anche la Delegazione FAI e il Gruppo FAI Giovani di Cremona partecipano all’evento, patrocinato dal Comune di Cremona.

Durante l’edizione del 2019 il percorso si sviluppa nel centro storico della città e si potranno visitare Palazzo Vidoni Pagliari, gioiello dell’architettura cremonese del Cinquecento, ampiamente modificato nei secoli successivi come dimostrano le eleganti decorazioni neoclassiche del piano nobile. Palazzo Mina Bolzesi, con la sala dipinta da Giuseppe Diotti, l’ampio giardino e la ghiacciaia. Infone, Palazzo Cattaneo, dimora nobiliare di grande impatto, le cui sale sono impreziosite da stucchi e raffinati dipinti tardo settecenteschi.

Presso Palazzo Mina Bolzesi, nella giornata di domenica, alle ore 11, 15 e 16, ci sarà la possibilità di visitare i locali dell’Academia Cremonensis e di conoscere l’importanza del patrimonio musicale cremonese attraverso le visite guidate condotte dal dr. Massimo Lucchi. Le visite sono limitate agli iscritti FAI e solo su prenotazione, scrivendo a cremona@delegazionefai.fondoambiente.it entro venerdì 11 ottobre.

Le aperture prevedono il coinvolgimento dei volontari della Delegazione FAI e del Gruppo FAI Giovani di Cremona, dei volontari della Protezione Civile, dell e associazioni Atlante, Eridanus e
Cardo VII, dei volontari di Cremona Sotterranea e degli studenti provenienti dai licei G. Aselli, S. Anguissola, dall’I.I.S. A. Stradivari e dall’I.I.S. L. Einaudi.

© Riproduzione riservata
Commenti