7 Commenti

Dazi USA, l'interscambio
di Cremona con l'America
è di oltre 170 milioni

Dazi esteri, un danno per otto imprese italiane su dieci nel settore food, secondo un’indagine realizzata il 3 e 4 ottobre da Promos Italia, la struttura nazionale del sistema camerale a supporto dell’internazionalizzazione delle imprese. Sette su dieci restano comunque ottimiste sul futuro dell’export nel settore food e guardano all’Europa come mercato trainante. Gli alimentari, con un export verso gli Stati Uniti oltre un miliardo in sei mesi, pesano il 5% sull’export nazionale, +13%. “Condivido e comprendo la preoccupazione delle imprese – commenta Giovanni Da Pozzo, Presidente di Promos Italia – nonostante i dazi non colpiscano tutti i prodotti agroalimentari Made in Italy si tratta comunque di un forte contraccolpo per l’export di settore verso gli Stati Uniti, che da anni, tra l’altro, già sconta il gravoso, e irrisolto, problema dell’italian sounding”.

Andando ad analizzare l’interscambio con l’America, si può notare come il volume d’affari maggiore sia ad appannaggio soprattutto dalle province piemontesi, seguite dalle lombarde. In particolare la provincia di Cremona è 17esima a livello nazionale e ottava lombarda per giro d’affari con gli Stati Uniti. L’interscambio con gli States ammonta infatti a oltre 170 milioni di euro (170.033.221 euro, ndr), diminuito del 6,2% rispetto al 2018 quando era oltre i 180 milioni (181.305.379, ndr). In ogni caso l’interscambio cremonese vale lo 0,6% del totale italiano. Nel giro di 12 mesi, infine, a crollare è stato l’import che è calato del 42,6% passando da 55milioni (55.701.404 euro, ndr) a quasi 32 (31.991.509 euro, ndr), mentre l’export ha avuto una crescita di quasi il 10% (9,9%, ndr); dai 125.603.975  euro del 2018 si è arrivati ai 138.041.172 di quest’anno. E’ quanto si evince dall’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi e Promos Italia su dati Istat, nei primi sei mesi del 2018 e del 2019.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Abiff

    A proposito di “Italian sounding” non si scherza nemmeno in Italia. Questo “Emmenthal Svizzera Originale” con tanto di bandiera svizzera è prodotta sul lodigiano…

    https://www.ferrariformaggi.it/il-tagliere-dei-formaggi/emmentaler-switzerland.html

    • Telafó Giovanni

      Magari commercializzato da una ditta lodigiana mica prodotto nel lodigiano….

      • Abiff

        Basta leggere l’etichetta. Mia moglie ci è cascata. Ma quale è il tuo problema? Devi sempre parlare di cose di cui non sai nulla?

        • Telafó Giovanni
          • Abiff

            Sulla confezione vi è riportato che l’Emmenthal Svizzero Originale è prodotto in provincia di Lodi. Lodi si trova in Italia, in Lombardia. La Svizzera invece è un altro paese sovrano. Se questo proprio non lo capisci è un problema tuo.

          • Telafó Giovanni

            Lei è un genio…

          • Abiff

            No, affatto. E’ Lei che non ci arriva. Buonasera.