2 Commenti

Cr-Mn: riqualificazione statale
unica soluzione, la Regione
non investirà mai su autostrada

Un presidio anti autostrada davanti al Pirellone

Lettera di Marco degli Angeli (M5S)

Cremona – Mantova: è di fondamentale importanza evitare di perdere altro tempo ed è necessario convocare al più presto possibile un tavolo tra Regione Lombardia, Ministero dei Trasporti e ANAS per confrontarsi sulla soluzione più plausibile e percorribile, cioè la riqualificazione della SP ex SS 10. Ricordo che il nostro ex Ministro Danilo Toninelli aveva creato le condizioni per la riqualificazione della SS 10 ed aveva convocato un tavolo con l’Assessore Terzi per inizio settembre; tavolo saltato per la crisi di Governo causata dalla Lega. La riqualificazione della SS 10 è da sempre la nostra proposta in quanto è quella maggiormente dettata dal buon senso, poiché si affronterebbero dei costi minori, vi sarebbe un minore consumo di suolo e quindi un minore impatto ambientale e non vi sarebbero ripercussioni sulle centinaia di aziende che insistono sulla statale che, con la costruzione di un’eventuale autostrada, si vedrebbero costrette a chiudere. Il nostro obiettivo è quello di arrivare ad una riqualificazione che renderebbe la strada tra Cremona e Mantova più veloce e sicura. Trovo del tutto inutile perdere ancora tempo in sterili polemiche e nella chimera di progetti faraonici quale può essere l’autostrada. È dal 2003 che si parla di questa fantomatica autostrada, ma ormai è chiaro a tutti che si tratti di una presa in giro e che ci si limiti a degli slogan che tornano utili in occasione degli appuntamenti elettorali. È fuor di dubbio che Regione Lombardia non abbia alcuna intenzione di sborsare delle cifre astronomiche per la costruzione dell’autostrada, anche perché, dai dati emersi dalla riunione di fine luglio, si andrebbe incontro ad un flop clamoroso, in quanto i flussi di traffico teorizzati non giustificherebbero un investimento economico di tale portata (1,2 miliardi €).

La nostra proposta di riqualificare la SS 10 è avvalorata anche dal fatto che a breve vi sarà il passaggio di competenza per quell’infrastruttura ad ANAS che, tra l’altro, ha anche la disponibilità economica per intervenire operativamente. Penso sia arrivato il momento di collaborare fattivamente per giungere a una soluzione condivisa ed il primo passo è sicuramente l’istituzione di un tavolo che veda protagonisti Regione Lombardia, MIT e ANAS. Dopo tanti anni, i cittadini hanno bisogno di risposte certe e non più rimandabili”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Diretur

    Abbandonare per sempre l’idea dell’autostrada, che serve ad altri e non al territorio (salvo si intenda sviluppo la trasformazione di Pieve San Giacomo in una nuova Tavazzano con Villavesco), e si punti sulla riqualificazione della SS10 meno impattante e più utile per tutti gli abitanti e i pendolari che non pagherebbero mai i pedaggi deliranti che richiederebbe un’autostrada regionale.

  • paul

    👍🏿